Vi raccontiamo il nuovo Vinòforum a Roma dal 14 al 23 giugno

27 Maggio 2019

Oltre diecimila metri quadri, con fontane e giochi d’acqua, in uno spazio apposito creato all’interno del Parco di Tor di Quinto a Roma. Si parte con la Roma Wine & Food Week e vinoforum a seguireComincia con una grande novità, quella della location, l’edizione 2019 di Vinòforum – Lo Spazio del Gusto, in programma nella capitale da venerdì 14 a domenica 23 giugno prossimi. Sedicesima edizione per il format che vedrà in mostra e protagoniste 500 cantine italiane e internazionali e 70 tra chef e aziende gastronomiche d’eccellenza. Tanti gli appuntamenti all’interno dell’evento, ma si comincia già una settimana prima con la Roma Wine & Food Week, il  fuorisalone che dal 3 al 9 giugno coinvolgerà tutte le enoteche, i wine bar, i ristoranti, le botteghe, gli shop, le gallerie d’arte, le boutique e le librerie in oltre duecento appuntamenti dedicati al cibo e al vino.

30, invece, i Temporary Restaurant che ospiteranno in questa edizione gli chef provenienti da tutto il territorio nazionale. Selezionati dal giornalista gastronomico Luigi Cremona, gli chef saranno divisi seguendo 5 temi principali: i Grandi Maestri stellati, la Cucina di mare, gli Chef emergenti, la Cucina al femminile, le Grandi osterie. Ogni chef presenterà 3 piatti, tra i più rappresentativi del proprio stile e carattere – con prezzi dai 5 ai 12 euro – cui sarà possibile abbinare gli champagne di alcune delle maison più conosciute al mondo, come Dom Pérignon, Krug, Veuve Clicquot, Moët & Chandon, Ruinart.

Agli appassionati e ai degustatori è dedicata la Top Tasting Area: qui le eccellenze dell’enologia italiana e internazionale verranno raccontate dai diretti protagonisti, produttori, enologi e degustatori. Focus e incontri per apprendere dai diretti protagonistiUn focus sarà poi dedicato allo champagne, raccontato attraverso le più grandi aziende, come Ruinart, Veuve Clicquot, Jacquesson, Charles Heidsieck, Nero Champagne, e ci sarà un incontro dedicato a Terra di lavoro – la grandezza degli autoctoni campani: Azienda Agricola Galardi, così come lo spazio per le grandi verticali di Château Palmer, della Cantina Jermann e della Cantina Terlano, per continuare con La Borgogna, in un viaggio da Santenay a Corton nei prestigiosi terroir della Maison Vincent Girardin e Il Brunello: punta di diamante dell’enologia italiana, raccontato in una verticale storica di Castello Banfi. Chiudendo, infine, con due top tasting firmate Doctorwine.

Torna l’appuntamento con le cene esclusive di The Night Dinner. 10 i grandi chef e 10 le cantine prestigiose che formeranno il binomio che porterà – ogni sera con posti limitati e solo su prenotazione – i migliori cuochi d’Italia a firmare i piatti dedicati all’evento, abbinati ai vini nazionali e internazionali delle aziende selezionate. Confermati anche gli incontri con enologi e master sommelier della Vinòforum Academy, per scoprire tutti i segreti del vino da neofiti appassionati ed esperti, e Progetto Olio, con il coinvolgimento di piccole e grande aziende produttrici dell’extravergine d’oliva vocate all’eccellenza.

Le cene ferrarelle e il b2b

Confermate, quindi, anche le cene Ferrarelle, con un ristorante particolare in cui i grandi chef e i maestri pizzaioli lavorano a quattro mani su menu unici. Trenta i posti a sedere, con minimo tre portate per le etichette, per sperimentare abbinamenti insoliti in un percorso abbinato ai vini delle più rinomate cantine italiane. A Vinòforum c’è anche spazio per il b2b, prima con gli eventi dedicati agli operatori in tre giorni specifici – domenica 16, lunedì 17 e domenica 23 giugno – poi nel Business Lounge, il salotto del vino in cui le aziende di nicchia e i prodotti di alta gamma possono incontrare e fare business con i diversi buyer. Non ultimo, lo spazio dedicato alla Food Revolution, in cui ci saranno tutte quelle aziende gastronomiche che sono in continua evoluzione nell’eccellenza: per questo, in esposizione e pronti all’assaggio ci saranno caviale, pasta, tartare, dolci, ma anche i prodotti di gelateria.