Tradotto per voi: amore e odio per lo Spritz

5 Giugno 2019

L’articolo originale “A taste expert explains why people are so divided over the Aperol Spritz” di Ashley Collman compare su Insider. L’autrice spiega perché negli ultimi tempi le opinioni sullo Spritz siano così in conflitto: l’abbiamo tradotto per voi.

Qualche settimana fa il dibattito più intenso che si è consumato su Internet non riguardava la politica, né Game of Thrones, ma l’Aperol Spritz. il dibattito è nato dopo un articolo sul new york times di rebekah peppler Tutto è cominciato quando la scrittrice gastronomica Rebekah Peppler ha pubblicato un articolo dal titolo L’Aperol Spritz non è un buon drink sul New York Yimes. Peppler sosteneva che nonostante la sua crescente popolarità, l’Aperol Spritz fosse troppo dolce e spesso composto da ingredienti scadenti. Ciò che è apparso subito evidente, è che non tutti condividono questa opinione. L’articolo è stato infatti sommerso da una valanga di commentatori in difesa del classico aperitivo italiano. Molti altri invece la pensavano come Poppler. Era chiaro che le persone, questo drink, o lo amano o lo odiano. Per capire perché questo cocktail è così divisivo, Insider ha parlato con l’esperto assaggiatore John Prescott.

Prescott, che ha passato la sua vita studiando come gli esseri umani percepiscono il cibo, ha detto che il drink può risultare sgradevole per quella parte di popolazione che ha maggiore sensibilità nei confronti del dolce e dell’aspro, i sapori principali alla base dell’Aperol Spritz. Nonostante ciò, Prescott sostiene che gli esseri umani possano imparare ad apprezzare qualsiasi sapore, anche se lo trovano sgradevole al primo assaggio. “Il principio generale è che sviluppiamo il gusto man mano che aumenta la nostra esposizione ai sapori”, dichiara Prescott. “Non bevevo l’Aperol prima di cominciare a venire regolarmente in Italia. Adesso mi piace ma solo nel contesto di uno spritz, che diluisce sensibilmente la dolcezza”.

Quindi coloro che rimangono refrattari all’Aperol, l’hanno provato almeno una volta, hanno avuto una forte reazione negativa e non gli hanno mai dato una seconda possibilità. “Le differenze nell’apprezzare il dolce o la sensibilità all’asprezza possono diventare barriere nello sviluppo del gusto – ovvero, se qualcosa non ci piace al primo assaggio, non saremo motivati a continuare a provarlo – e questo è un prerequisito per sviluppare le nostre preferenze”, ha aggiunto Prescott.

Scienza a parte, Prescott ha dichiarato di non condividere l’argomentazione della Peppler. Alla scrittrice sembra non piacere l’Aperol Spritz perché è troppo dolce ed è spesso fatto male, con prosecco di scarsa qualità. la sensibilità ai sapori determina l'apprezzamento di un drink Prescott è d’accordo sul fatto che i drink andrebbero fatti con ingredienti di qualità, ma non sul fatto che il proprio gusto per il dolce debba contribuire a determinare se un drink sia buono o meno, dato che tante altre persone apprezzano il sapore dell’Aperol. La scrittrice consiglia delle alternative all’Aperol per la preparazione di uno spritz estivo, ma, di nuovo, Prescott sostiene che si tratti di gusto personale e sensibilità ai sapori e non del fatto che un drink sia buono o cattivo. “Mi è sembrato che la scrittrice peccasse un po’ di snobismo in questo caso”, ha detto. “Sembra pensare che la popolarità del drink sia ingiustificata e che i clienti dovrebbero essere molto più sofisticati. Stila un elenco di drink meno dolci, molti dei quali sono di mio gradimento, ma una grossa fetta della popolazione potrebbe trovarli troppo aspri”.

Traduzione a cura di Paola Porciello.