A Milano arriva l’usanza del Carrello Sospeso

9 Giugno 2019

Si chiama carrello sospeso e, proprio come il tradizionale e originariamente partenopeo omologo caffè sospeso, permette ai cittadini di lasciare una spesa pagata per sostenere l’alimentazione delle persone più bisognose. L’iniziativa nasce a Milano, nel quartiere Ortica, per sostenere il nuovo Emporio della Solidarietà che la Caritas ha inaugurato nei giorni scorsi. Chi vorrà potrà dare il proprio contributo riempiendo un carrello virtuale sulla piattaforma digitale For Funding di Intesa San Paolo, nata per il crowdfunding a sostegno delle associazioni no profit.

Ogni carrello riempito online sarà poi trasformato in spesa reale da Coop Lombardia. Si possono donare spese da 10, da 20 e da 40 euro: inserendo l’importo minimo sulla piattaforma, per esempio, arriveranno a disposizione degli utenti dell’emporio due confezioni di pasta, una di olio, una di riso, una di salsa di pomodoro e un litro di latte. E, per consentire alla Caritas Ambrosiana di continuare a rifornire gli scaffali del minimarket solidale, Fondazione Cariplo, tra i promotori dell’iniziativa, verserà per ogni spesa virtuale la stessa cifra donata.

L’iniziativa sarà attiva fino a fine luglio e prevede una ricompensa speciale per chi deciderà di donare una somma minima di 20 euro: potrà garantirsi la partecipazione gratuita al concerto di Paolo Jannacci, figlio di Enzo, previsto l’8 luglio alla Balera dell’Ortica, a pochi passi dall’Emporio.