Bere tanto caffè potrebbe non fare così male come pensiamo

18 Giugno 2019

A colazione, a metà mattinata. Poi dopo pranzo, per spezzare il pomeriggio con i colleghi e magari dopo cena. Il caffè è un’abitudine, un rito, un modo per restare svegli. E c’è chi ne beve veramente tanto durante la giornata. Finora con l’idea di mettere a rischio la propria salute, ma a quanto pare potrebbe non essere così. Bere molti caffè, infatti, potrebbe non avere conseguenze sul cuore e sul sistema circolatorio, come invece era stato suggerito finora. Lo ha stabilito una nuova ricerca, portata avanti dalla Queen Mary University di Londra, che ha indagato esclusivamente le conseguenze date dall’assunzione della popolare bevanda sul nostro sistema cardiocircolatorio.

Per farlo, gli studiosi hanno preso come campione 8mila persone, dividendole in base al loro consumo giornaliero di caffè. Nel primo gruppo hanno quindi inserito i consumatori occasionali, che bevono meno di una tazza al giorno; nel secondo, invece, quelli normali, con un range da uno a tre tazzine al giorno. Nell’ultimo, infine, i consumatori accaniti, da 4 fino addirittura a 25 tazzine quotidiane, anche se gli scienziati hanno tenuto a chiarire che questi ultimi erano veramente pochissimi, tanto da non risultare statisticamente rilevanti.

Dai risultati dell’indagine è emerso che, per ciascuno dei gruppi, le conseguenze legate al consumo di caffè erano identiche: niente affaticamento cardiaco, niente arterie irrigidite – uno dei segnali di problemi al cuore – Le conseguenze sono uguali per tutti i tipi di consumatoriniente differenze in base a peso, età, abitudini (come quella al fumo). Sembra, perciò, che il legame tra consumo eccessivo di caffè e patologie come quelle arteriose, legate a ictus o infarti, non siano più da tenere troppo di conto. Alla luce di questo studio, come spiega Metin Avkiran, direttore medico associato e tra gli autori dell’indagine, oggi la lettura dei fatti potrebbe essere cambiata. “Ci sono diversi studi in conflitto – ha commentato – che dicono cose diverse sul caffè. E può essere difficile filtrare ciò che dovremmo credere e ciò che non dovremmo. Speriamo che questa ricerca cambi la prospettiva su alcuni rapporti dei media, poiché esclude uno dei potenziali effetti negativi del caffè sulle nostre arterie“.