Pizza Romana Day 2019: le pizzerie dove festeggiare a Roma

3 Settembre 2019

Stanno lavorando al menu, cercando di capire quali ricette di pizza bassa e scrocchiarella possano affiancare alle classiche intramontabili come margherita, capricciosa, fiori di zucca. Noi, invece, vi diciamo chi sono le pizzerie di Roma protagoniste della seconda edizione del Pizza Romana Day il 12 settembre, l’evento diffuso organizzato per il secondo anno dalla redazione di Agrodolce in collaborazione con Regione Lazio e Arsial e promosso da GreenStyle, Radio Sonica e Repubblica Sapori e sponsorizzato da Birra del Borgo e la sua birra Lisa in esclusiva. Siete pronti a prendere nota?

  1. 180 g (via Tor de’ Schiavi, 53). A Centocelle Jacopo Mercuro e Mirko Rizzo hanno dato vita al luogo che esprime al meglio la pizza romana nella sua essenza. Menu che rispetta la tradizione, impostazione contemporanea, farine con grani rigorosamente italiani, impasto indiretto ad alta idratazione e stesura a mano senza mattarello. I prodotti sono di qualità e i fritti da non perdere assolutamente.
  2. 91 bis (via della Farnesina, 91). A pochi passi da Ponte Milvio, è un indirizzo che non si può ignorare quando si parla di pizza romana. Forno a legna a vista, piastrelle bianche, ampio dehor e un menu che spazia tra classici della tradizione e proposte ricercate.
  3. Al Grottino (via Orvieto, 6). Lo storico locale di San Giovanni offre una pizza a lievitazione naturale cotta nel forno a legna e un’ampia selezione di birre belghe. Il locale è semplice, accogliente e si avvale di ingredienti di qualità. Da provare anche i fritti e i dolci.
  4. Casette di Campagna (via di Affogalasino, 40). Immersa nella campagna romana, sull’impasto della sua pizza, ben preparato e digeribile, si avvicendano verdure del territorio pontino, mozzarella di bufala campana e salumi dalle carni selezionate. Condisce tutto il servizio gentile e premuroso.
  5. Proloco Trastevere (via Goffredo Mameli, 23 ). Nei tre locali che compongono l’ultimo Pro Loco DOL, questo di Trastevere, c’è anche la pizza, preparata con un impasto lievitato oltre 72 ore. Tonda, croccante, è arricchita con ingredienti gourmet di origine laziale.
  6. Fornace Stella (piazza Lecce, 9). Con lo zampino di Giancarlo Casa, il menu pizza strizza l’occhio alla svolta gourmet del panorama romano, con proposte come la Nord-Est con Asiago giovane, radicchio trevigiano e speck altoatesino o la Siciliana con pomodoro pachino, olive, capperi, acciughe, foglie di carciofino e origano. Ovviamente senza dimenticare la tradizione.
  7. La Gatta Mangiona (via Ozanam 30/32). Nota pizzeria di Monteverde, è riconosciuta come una delle pizzerie migliori della Capitale. Giancarlo Casa insieme al suo socio Sergio Natali ha dato vita a un luogo che da anni non smette di stupire. Ambiente caldo e accogliente, menu ricchissimo tra fritti, grande varietà di pizze sia tradizionali che creative preparate con materie prime di qualità e gustosi dolci fatti in casa. Buona la carta dei vini e ampia scelta di birre artigianali.
  8. La Mangiatoia (via Dei Due Ponti, 181) Si può scegliere se mangiare in sala o all’aperto e la pizza è rigorosamente di tradizione romana: bassa e croccante. Al forno a legna c’è Andrea Renzi, giovane pizzaiolo che unisce un rispetto devoto per la tradizione alla voglia tangibile di sperimentare. La ricerca degli ingredienti lo appassiona e lo porta cambiare il menu in base alla stagionalità. Chiedete dei piatti speciali fuori menu. Servizio giovane, gentile e attento.
  9. Lievito Prati (via Andrea Doria, 16). Locale ampio e accogliente con circa 150 coperti. Sulle pizze c’è la mano attenta di Stefano Callegari che ha studiato il menu e messo a punto l’impasto, mentre per le birre c’è quella del birrificio Birra del Borgo. Grande attenzione per le pizze della tradizione romana, ma anche ampia scelta di fritti e supplì. Per le pizze è accuratissima la selezione di farine in parte macinate a pietra e la cottura nel forno a legna ad altissime temperature. Per i fritti, invece, il segreto sta nella panatura realizzata esclusivamente con pangrattato autoprodotto.
  10. Lievito Fleming (Via Flaminia, 525) Naturale raddoppio del locale di prati, è una ventata di aria fresca in un angolo di Corso Francia. 300 coperti, su due livelli, e un ampio giardino esterno. Le pizze sono firmate ancora da Callegari: impasto fragrante e leggero, bordo alto, cottura decisa. In carta ci sono le versioni più tradizionali e quelle più ricercate. Completano i fritti e gli altri piatti della tradizione romana.
  11. Magnifica (via Ugo de Carolis, 72). Pizzeria con 60 coperti, ambiente semplice, curato, dal tocco minimal con sedie retrò e pareti sui toni del beige. La vera protagonista, la pizza, realizzata con impasto indiretto a lievitazione 72 ore, prevede l’utilizzo di farine integrali pregiate e prodotti freschi e di stagione. Menu che gioca sulla regionalità e ampia carta di birre selezionate.
  12. Moma (via Calpurnio Fiamma, 40). In un ambiente minimal dove il bianco predomina, Moma è un pizzeria che si basa sull’attenta ricerca delle materie prime, in particolar modo del territorio laziale. Le pizze sono preparate con farine naturali macinate a pietra, olio extravergine di oliva Dop, mozzarella di bufala, salumi e formaggi di origine laziale, toscana e umbra. Da provare la pizza del mese, realizzata con condimenti di stagione.
  13. L’Osteria di Birra del Borgo (via Silla, 26). Un luogo dal sapore nuovo ma autentico, raccontato, come nelle osterie di una volta, da uno staff attento, dedito alla ricerca e alla selezione delle materie prime. Nel tempo il locale ha scelto linguaggi diversi per raccontarsi ma di sicuro la relazione con il territorio e i suoi prodotti non è mai stata una variabile di poco conto. La birra è la protagonista indiscussa che guida la cucina verso accostamenti coraggiosi e sorprendenti. E poi tanti caratteri della vecchia osteria ripensati per adattarli agli stili di vita di oggi e altrettanti nuovi, quelli che la rendono un’osteria moderna. Uno su tutti l’impianto da 350 litri con grande tino a vista, due fermentatori in legno e le anfore in terracotta utilizzate per far maturare le specialità birrarie prodotte in casa. Il format ha funzionato, grazie anche alla passione e al lavoro del suo chef pizzaiolo, Luca Pezzetta, che in osteria ha introdotto la pizza gourmet che si consuma al tavolo, servita come un piatto d’autore.
  14. Pizza e Tata (viale Spartaco, 76) Vicino al parco dell’Appio Claudio nel quartiere Tuscolano, nasce Pizza e Tata Roma, con la supervisione iniziale di Stefano Scisciola. Qui la pizza della costiera si unisce alla tradizione romana. Con un plus: una tata per intrattenere i bambini dai 3 ai 12 anni, mentre i genitori gustano una buona pizza nella massima tranquillità.
  15. Pizzeria Frontoni al 1940 (via Assisi, 117). Accogliente tra tavoli, sedie, fioriere e gazebo in legno,offre un menu rigorosamente stagionale con una parte delle materie prime provenienti dall’azienda agricola familiare. Romanità espressa al massimo: pizza leggera e croccante, ingredienti di qualità. Imperdibili gli gnocchi di pizza.
  16. Pro Loco Pinciano (via Bergamo, 18). A due passi da piazza Fiume, tra sedie vintage e pareti di pietra, Pro Loco Pinciano punta sulla qualità dei prodotti del territorio e si avvale di un menu ricco e variegato. Pizze sia classiche che innovative di ottima qualità, ampia selezione mista di salumi e formaggi rigorosamente laziali.
  17. Sbanco (via Siria, 1). Locale ampio e arioso, arredato in stile post industriale con almeno 200 posti a sedere, figlio di Callegari, Pucciotti e Campari. L’impasto è soffice, a metà strada tra la tecnica romana e quella napoletana, le pizze per tutti i gusti. Lungo bancone con 15 spine delle quali 2 a pompa. Supplì dalla panatura perfetta, dolci espressi.
  18. Seu Pizza Illuminati (via Angelo Bargoni, 10). Il locale è accogliente e gradevole e il servizio rapido e cortese. In tutto 30 pizze, divise in 3 sezioni del menu, preparate con materie prime di qualità e di cui 20 in continuo cambiamento, a seconda della stagionalità. Tra gli antipasti grande importanza ai fritti, 6 spine artigianali a rotazione, vini naturali biologici, rum e amari.
  19. Spiazzo (via Antonio Pacinotti, 83). In zona Ostiense, il locale prevede una settantina di coperti tra sale interne e spazio all’aperto. Il menu offre la possibilità di degustare più tipi di pizza, servita a spicchi, croccante e friabile con un impasto da 48 ore fra lievitazione e maturazione. Ottima anche quella nel ruoto. Tra i fritti, da non perdere i lingotti. Ampia selezione di birre artigianali, discreta lista di vini, abbinamenti tra cocktail e pizze.

Pala e Teglia

Per l’edizione 2019 del Pizza Romana Day, la pizza bassa e croccante sarà in tutta Roma anche alla pala e al taglio per tutta la giornata dell’evento. Per la pala vi aspettano Santi Sebastiano e Valentino a via Tirso 107; Elettroforno Frontoni (via Ostiense, 387); Paneria (via Appia Nuova, 105) e infine l’Antico Forno Roscioli, in via dei Chiavari, 34.

Per la teglia, invece, vi aspettano da Lievito Pizza e Pane (viale Europa, 339), Serenella (via Salaria 70); a via Clelia, 63/a da Pizza Chef. Quindi da Sancho, via della Torre Clementina, 142 a Fiumicino. E ancora da Yeast&Flour a piazzale Clodio, 31. Da Pizza Zazà, a via di Selva Candida 12; da Cresci, a via Alcide de Gasperi, 11-17. E a Garbatella da La Fornarina, in piazza Oderico da Pordenone 04. Inoltre potrete recarvi a Centocelle da Pommidoro (via delle Acacie, 1/a), a Trastevere da Sesamo Pizza e Cucina (viale di Trastevere, 83).

La pizza romana sarà anche nei numerosi punti vendita di Alice Pizza sparsi per la Capitale: la troverete a circonvallazione Gianicolense 278, via Tiburtina 574, via delle Grazie 7, corso Vittorio Emanuele II 35, viale Val Padana 130, via delle Cave di Pietralata 47/A, viale Cortina d’Ampezzo 321/323, via Marmorata 111, via Appia Nuova 448, via Tuscolana 853, viale Tito Labieno 2/4, viale Palmiro Togliatti 2, via Filippo Civinini 91, via di Vigna Stelluti 186, via Marsala 66, via de’ Baullari 140, via Cristoforo Colombo- Viale dell’Oceano Pacifico 83, via Alberto Lionello 21, via Collatina 858, via Magna Grecia 24. A Guidonia, in provincia in via dei Pioppi 6 (via TIburtina km 20.5) e quella in viale Roma 187.  E a Tivoli in piazza Giuseppe Garibaldi 2.

Clicca qui per visualizzare la mappa