Via Japan: due giorni di tradizione nipponica nella Capitale

8 Ottobre 2019

Il Giappone non smette mai di intrigare e non solo per il cibo e le antiche ricette, ma anche per tutta la cultura che vi ruota attorno. Ecco perché, alle Officine Farneto di Roma torna Via Japan con la cucina e la tradizione nipponica che diventano ancora una volta protagoniste. Dall’11 al 13 ottobre, le Officine Farneto si trasformano in una via di Tokyo, con 15 veri izakaya giapponesi e 15 chef che arrivano da ogni parte del Giappone, ognuno con la propria specialità e la sua storia, coordinati da Davide Del Duca e Bruno Settimi.

Ci sarà quindi la possibilità di degustare onigiri, yakitori, takoyaki, tempura e ramen, oltre a quella di osservare chef italiani e giapponesi alle prese con la preparazione di diverse ricette. Oltre a masterclass, degustazioni e laboratori, tra gli stand sarà possibile provare gli okonomiyaki di Juy-Juy da Hiroshima, la tempura di Iwai da Kanagawa, il kaarage di Chibo e i gyoza di Ichigen da Nigata. Quindi gli onigiri di Musubiya e gli yakitori di Torijiro, Tokyo. E il ramen di Ramen Bar Akira, Roma, insieme al sake corner.

L’esperienza giapponese, poi, si arricchisce di un’esperienza gourmet con le cene esclusive e stellate organizzate con gli chef Iside De Cesare e Daniele Usai. Due stelle italiane proporranno piatti di ispirazione nipponica in cene esclusive Si comincia con la chef de La Parolina, una stella Michelin, venerdì 11. Nel menu caviale di Onano, coregone marinato con cetrioli e cialda di riso, tortelli di pollo alla piastra con salsa di soia. Quindi Risotto allo zenzero e mela verde, maiale e salsa teriyaki e rocher alla nocciola e sesamo. La versione di Daniele Usai, chef de Il Tino, anche lui una stella Michelin, è invece prevista per domenica 13. La sua interpretazione prevede in menu un Giardino iodato, spaghetti aglio olio peperoncino con ricci di mare e rosa, Risotto agli scampi affumicati e vaniglia, Kebab di tonno e panna acida al lime e Katsuobushi ricotta e visciole. Alle due serate sarà possibile partecipare solo su prenotazione (i posti sono limitati), con un costo di 70 euro a persona, bevande escluse. L’ingresso a Via Japan costa 5 euro e il servizio sarà diviso in due turni, pranzo e cena. Ogni turno avrà un biglietto d’ingresso valido esclusivamente negli orari indicati. Il botteghino della manifestazione chiude un’ora prima della chiusura degli stand.