Tacos: 12 posti ideali dove mangiarli a Roma

14 Ottobre 2019

Tra le specialità messicane più versatili e apprezzate anche alle nostre longitudini, ci sono senza dubbio i tacos. Si tratta di dischi di pasta (tortillas) di farina di mais o frumento, farcite con condimenti di ogni tipo, da piegare a mezzaluna per essere comodamente addentate. Scopriamo le varie declinazioni proposte da alcuni locali di Roma: riproduzioni (più o meno) fedeli degli originali, interpretazioni gourmet, fusion o addirittura nostrane. Impossibile non notare che molti di questi indirizzi siano di recente inaugurazione, a testimonianza del fatto che quella dei tacos è una tendenza attuale e in piena ascesa.

  1. Tacos & Beer (via del Boschetto, 130). Rione Monti è una delle zone della Capitale con la più alta concentrazione di locali di street food. Tra questi ce n’è uno dall’insegna particolarmente esplicita. Oltre ai tacos tuttavia, qui si servono anche burritos e nachos dallo spiccato accento messicano.
  2. Tacotà (piazza del Risorgimento, 4).Altro fast-food tematico è questa nuovissima apertura a due passi dalla Basilica di San Pietro, che unisce i sapori di Andalusia e Messico con una sfiziosa selezione di Tacos e Tapas.
  3. La Punta Expendio de Agave (via Santa Cecilia, 8).Tempio romano dei distillati a base di agave, La Punta propone specialità messicane anche per quanto riguarda il cibo. Da provare, ad esempio, il taco di polpo marinato nel succo di ananas oppure le tostadas (con la tortilla preventivamente grigliata o fritta) con anatra marinata, arancia, lime, cipolla marinata, polvere di carrube e coriandolo.
  4. Mezcaleria Callejon (via dei Filippini, 4/7). Nuovo locale la cui offerta è focalizzata interamente sulle specialità messicane, sia dal punto di vista gastronomico che per quanto riguarda il beverage. Ampia possibilità di combinare i vari tipi di tortillas con una serie di farciture elencate nel menu.
  5. Alchimia Foodlab (via Vercelli, 6) si è recentemente ampliato trasformandosi in un vero e proprio ristorante. In cucina lo chef Andres Felipe Upegui Sanchez omaggia spesso le sue origini colombiane. Gustose le arepas (focaccine di mais bianco), servite però a mo’ di tacos e farcite con pescato fresco, guacamole, chimichurri, insalata e cipolla rossa in carpione.
  6. Reserva Restaurante (via del Pellegrino, 163).è un nuovo ed elegante ristorante del centro che propone ricette creative dal gusto sudamericano. Tra i piatti più convincenti i tacos de cerdo: pancia di suino cotta a bassa temperatura sfilacciata e guarnita con salsa pico de gallo e guacamole. La particolarità? Il taco è in realtà di platano.
  7. Bunker Kitchen Club (via del Boccaccio, 24). Altra novità in pieno centro è Bunker. Per lo chef e patron, Nicholas Amici, le parole d’ordine sono contaminazione e condivisione. Il suo taco è un viaggio dal Messico all’Italia, con lingua, tomatillo, insalata fritta, salsa al chipotle.
  8. Ted Burger & Lobster (via Terenzio, 12).Dopo Prati, i sapori a stelle e strisce di Ted arrivano anche a Ostiense. Oltre agli hamburger e alle specialità a base di crostacei, nella nuova sede fanno anche pizza. In entrambi i locali non mancano originali proposte di tacos, come quelle con il pulled pork.
  9. Drink Kong (piazza di San Martino ai Monti, 8).Il cocktail bar di Patrick Pistolesi, nel giro di pochi mesi dall’apertura ha subito conquistato un posto tra i migliori locali del mondo per il bere miscelato. Ad accompagnare i drink le proposte fusion dello chef Marco Morello, tra cui alcuni tacos di mais molto curiosi. Uno su tutti: quello con baccalà, ‘nduja e menta.
  10. Coffee Pot (via del Politeama, 12).Tra i locali che seguono più convintamente il trend della cucina fusion a Roma, ci sono sicuramente i due Coffee Pot di Trastevere e piazza Bologna. L’impronta asiatica è evidente ma le contaminazioni sono altrettanto consuete. La perfetta sintesi è rappresentata dal Sushi Taco.
  11. Brado (via Amelia, 42).Punto di riferimento per gli amanti della cacciagione e della birra artigianale, Brado vanta una lista di tacos particolarmente adatti per l’aperitivo, tra cui quello con ragù bianco di cinta senese (con fagioli neri, silano, pomodoro e chimichurri) oppure la variante con cinghiale alla cacciatora.
  12. Bosco – Officine del Tartufo (via Macerata, 8/c).In questo piccolo locale del Pigneto, protagonisti sono i sapori silvani: selvaggina, funghi e ovviamente tartufo, come suggerisce il payoff dell’insegna. La loro ricetta per la tortilla dei tacos prevede farina di frumento e spinaci. Le farciture cambiano a seconda della disponibilità. Può capitare di trovare ad esempio il taco con ragù di cervo, chips di cipolla e tartufo.

Clicca qui per visualizzare la mappa