Mangiare in hotel: NH Collection Torino Piazza Carlina

21 Ottobre 2019

Nelle metropoli d’Europa e di tutto il mondo è ormai un’abitudine, in Italia sta prendendo sempre più piede: mangiare nei ristoranti degli alberghi, che offrono un livello sempre più alto. Non solo, gli hotel sono diventati veri poli gastronomici, con realtà interessanti e chef che se non hanno la stella Michelin ci sono molto vicini. Ad aiutare l’idea di ristorante stellato è certamente l’atmosfera:anche in italia gli hotel stanno diventando poli gastronomici  elegante, raffinata e insieme intima. Gli alberghi (anche quelli italiani, merito delle catene internazionali certamente) si sono evoluti verso un design di interni minimale ma dalla personalità di classe. Tra questi, a Torino spicca l’NH Collection Piazza Carlina, 4 stelle con una proposta gastronomica di livello. Lo chef è Alexander Robles, un ragazzo classe ’88 di origini peruviane con una formazione che spazia da Cusco a Torino all’iconico Astrid y Gaston di Lima, a L’Escale in Francia. È nel 2018 che approda a Torino come Head Chef del ristorante Carlina, portando con sé una cucina elegante mai banale, con influenze latino-americane e abbinamenti ispirati alla cucina delle capitali europee, giocati sulla contaminazione.

Il ristorante offre due menu in dicotomia, Nell’Hotel e Oltre l’Hotel: il primo, come suggerisce lo stesso nome, è ispirato agli hotel, al mondo soprattutto estero della cucina alberghiera, insieme accogliente, delicata e intenzionalmente didascalica, con piatti dove la tradizione piemontese si sposa con la voglia di nuovo, come la Tartare di fassona con il caviale su un fondo di stracciatella di bufala e capperi fritti, così come il pastrami fatto in casa con erbe spontanee, verdure in carpione e noci macadamia.

Oltre l’Hotel è invece la pura personalità creativa di Alexander Robles: vuole essere quasi uno spettacolo teatrale, con una cucina dirompente e creativa, “di evasione, di oblio, di incanto”. I piatti sono arditi ma invitanti, come ad esempio i Dumpling di agnello, funghi cinesi Orecchie di Giuda e pak choi o i Friggitelli con aji amarillo e fichi d’india. La formula del pranzo include invece una selezione di antipasti e di piatti caldi ma anche sandwich, tramezzini e insalate con menu a prezzo fisso.

La particolarità dell’NH Collection Carlina – che prende il nome dall’omonima piazza di Torino in pieno centro storico – sono le terrazze, con gli orti pensili su cui sono coltivate le erbe aromatiche come menta, salvia, rosmarino, timo, maggiorana, cipollina, ma anche il basilico, l’ananas, ruta, artemisia, levistico, acetosella, aglio cinese, lucuma, borragine e le fragole. Tutti questi ingredienti si usano sia in cucina, sia nel cocktail bar che d’estate domina Torino dal tetto dell’albergo e che invece in inverno scalda il pian terreno per i clienti ma anche per chi ha voglia di un aperitivo o di un buon cocktail dopo cena.