Panachè: la birra in un cocktail

24 Ottobre 2019

I puristi della birra potrebbero storcere il naso e interrompere la lettura di questo articolo prima di iniziare: in fondo il binomio birra-limonata è difficile da digerire dagli amanti del luppolo incontaminato. Tuttavia, è doveroso scagliare una lancia a favore del Panachè partendo dalle sue origini che affondano le radici in luoghi dove la birra è tutt’altro che sottovalutata. Questo cocktail a base di birra e limonatain germania è stato messo in commercio con il nome di radler che nella maggior parte dei casi è una bibita gassata a base di limone – nasce in territorio francese e non tarda a diffondersi nelle vicine località del ponente ligure, in Lombardia, arrivando fino in Svizzera e in Germania. Ed è proprio qui, nella patria dell’Oktoberfest, che è stato sdoganato con una certa risolutezza il commercio in bottiglia della Radler – nome tedesco del Panachè, anche se in variante meno alcolica – rendendola una delle bibite più vendute, dopo la birra ovviamente. Ma quali sono le ragioni di un così grande successo? La storia di questo cocktail deve la sua nascita a un curioso aneddoto sportivo: si racconta che l’inventore del panachè, non avendo birra a sufficienza per dissetare un gruppo di ciclisti, decise di allungarla con la gazzosa dando vita a una bibita estremamente dissetante. È proprio questa sua caratteristica, unita al fatto di essere poco alcolico, a rendere il Panachè così apprezzato e diffuso in tutta Europa: perfetto per accompagnare la pizza o da sorseggiare durante aperitivi o tranquilli dopocena.

La ricetta

La versione classica del Panachè segue questa proporzione: due terzi di birra bionda ed un terzo di gassosa al limone. Tuttavia, a seconda dei gusti si può arrivare a miscelare ciascun ingrediente in dosi uguali o a modificare il tasso alcolico aumentando o diminuendo la quantità di birra. Una volta scelto il giusto equilibrio, procedete in questo modo: versate in un bicchiere freddo con ghiaccio prima la bevanda gassata al limone e completate con la birra in modo da gestire con più facilità il formarsi della schiuma in superfice. Date una leggera mescolata finale e completate con uno spicchio di limone.

Quale birra scegliere

L’abbinamento privilegiato per un Panachè perfetto è quello con una birra chiara e fresca, come le Lager o le Weiss. Alternative altrettante valide sono: la Pilsner, la Heller, la Bock e la Märzen. Se amate note più intense e amarognole potete comunque sbizzarrirvi sperimentando birre scure e dal gusto complesso. Variazioni sul tema sono consentite anche sulla scelta del tipo di bevanda analcolica che dovrà pur sempre tener conto della birra che utilizzerete. Potrete per esempio abbinare la Pilsner con l’acqua tonica o la cedrata, mixare la Strong Lager con chinotto e ginger, o ancora sperimentare accostamenti più arditi unendo la Weiss con un centrifugato di frutta a base di anguria o pesca: otterrete in questo modo una piacevole variante estiva del Panachè.