Pule: com’è fatto il formaggio più costoso al mondo

29 Ottobre 2019

Se il caciocavallo podolico lucano arriva a costare 70 euro al chilo e il Bitto Storico invecchiato della Valtellina raggiunge i 245 euro al chilo, preparatevi a sgranare gli occhi davanti all’insospettabile formaggio più costo del mondo. Si chiama Pule ed è venduto a circa 1.300 dollari al chilo. Si tratta di un formaggio serbo a pasta bianca, friabile e soprattutto difficilissimo da trovare.

La materia prima: latte d’asina

Il latte d’asina è un alimento proteico, con pochi grassi e una quantità di lattosio simile a quello del latte materno. Quello necessario per fare il Pule non è semplice da trovare. Infatti deve provenire da femmine di asino nate e cresciute sui Balcani, quindi solo tra Serbia e Montenegro. per il pule servono almeno 25 litri di latte per ogni kg prodotto Per realizzare un chilo di Pule, servono 25 litri di latte. Il prezzo della materia prima è di 40 euro al litro perché la produzione si attesta su circa 1,5-2 litri di giornalieri, divisi in 3 mungiture giornaliere. La mancanza di componenti solide in questo ingrediente spinge ad aumentare la quantità di latte necessaria per realizzare il formaggio. Quindi si stima che per produrre un chilo di Pule bisogna mungere circa 90 asine. Inoltre, i costi lievitano anche per la necessaria mungitura manuale da fare 3 volte al giorno.

Il processo di produzione

Ma a far lievitare i costi c’è anche la difficoltà affrontata per trasformare questo latte in formaggio. Infatti, essendo molto diverso dal prodotto di bufale, pecore, vacche o capre, il latte d’asina non reagisce allo stesso modo ai tipi di caglio usati in genere. La Serbia ha presentato il primo formaggio fatto con latte d’asina nel 2012, annunciando anche il nome del risolutore del quesito. Si tratta di Slobodan Simic, direttore della riserva naturale Zasavica e ora produttore del formaggio più costoso del mondo. Dal latte d’asina sono anche prodotti saponi e detergenti, che trasportano nel presente alcune pratiche di bellezza mitologiche come la possibilità di fare il bagno nel latte d’asina proprio come faceva Cleopatra.

Com’è il Pule

Il Pule ci appare come un formaggio granuloso, non troppo stagionato, ricco di vitamine e sali minerali. Gli esperti dicono che abbia uno dei sapori migliori al mondo, molto vicino a quello del formaggio spagnolo noto come Manchego, realizzato con latte di pecora dell’omonima razza. Attualmente è realizzato solo nella riserva naturale di Zasavica, dove solo per assaggiare il Pule si arriva a pagare fino a 100 euro.

Il formaggio di latte d’asina italiano

Il tecnico agroalimentare italiano Giuseppe Iannella ha realizzato un prodotto simile al Pule, trasformando il latte d’asina in formaggio grazie al caglio di cammello. Con la collaborazione del proprietario dell’Agriturismo di Montebaducco, Davide Borghi, hanno realizzato l’Asinino Reggiano, quello che definirono “il primo formaggio al mondo fatto al 100% con latte di asina”. A differenza del Pule, questo prodotto non contiene latte da altri animali che non siano l’asina.