Ora trovate il whisky in capsule

4 Novembre 2019

No ice. No stirrer. No glass. We’re redefining how whisky can be enjoyed“: questo il tweet con cui la Glenlivet, storica distilleria scozzese, una delle più grandi e note al mondo, ha annunciato l’arrivo delle capsule di scotch whisky. un whisky in capsule da ingerire senza masticare Le capsule inventate dalla Glenlivet hanno ufficialmente debuttato in occasione della London Cocktail Week qualche settimana fa. Rettangolari e gelatinose, nate dalla collaborazione fra il brand in questione e il barman Alex Kraten, hanno una dimensione pari a 23 ml. L’involucro è realizzato con un estratto di alghe completamente biodegradabile e, per quanto concerne il contenuto, si può scegliere fra 3 cocktail a base di Founder’s Reserve, un single malt leggero, speziato e dall’aroma delicato; un liquore easy che può piacere a tutti o quasi tutti, insomma.

Gli ingredienti dei cocktail

Le capsule di whisky contengono 3 cocktail diversi. Il protagonista, lo ribadiamo, è il Founder’s Reserve; nelle Citrus ci sono anche distillato di limone, sherry, lillet e cordiale al bergamotto mentre gli altri ingredienti delle Wood sono il sandalo distillato, il tayēr Invecchiato Aquavit, l’oloroso, il vermouth Rosso e il cordiale al cedro. Le Spice, infine, contengono – sempre oltre al whisky – muyu vetiver gris, oloroso sherry, lampone verjus, bieer alle Noci nere e paychaud’s bitters. Come consumare le capsule? “Basta prenderle – rispondono dalla celebre distilleria –  e ingerirle, senza masticarle neanche”.

Le polemiche e la risposta

Il suddetto tweet pubblicato dall’account di Glenglivet ha suscitato grande curiosità, ovviamente. Ma anche scatenato una tempesta di polemiche e critiche feroci, ovviamente da parte di utenti che si sono basati semplicemente su un annuncio e su qualche immagine per decretare la bocciatura. chi le ha provate, ha dato un parere positivo Hanno scritto che è un’eresia utilizzare il whisky nei cocktail, che le capsule sono uguali alle pods da mettere in lavatrice, che è roba da bimbetti, che sono fatte con chissà cosa, che non si sente l’aroma del liquore e quindi sono inutili. Dai pochi che invece hanno già avuto modo di provare la novità, invece, sono arrivati pareri positivi. In ogni caso, a un certo punto è apparsa su Twitter la risposta dell’azienda: “Sembra che la nostra Capsule Collection abbia suscitato un po’ di scalpore: volevamo rassicurarti sul fatto che ci impegniamo a produrre prodotti sicuri, responsabili e deliziosi per gli adulti”. Comunque, finora è stata una sorta di esperimento. Pare, però, che presto le capsule sbarcheranno sul mercato.