Taglieri: come sceglierli e quali acquistare

6 Dicembre 2019

Ci si concentra sullo spessore della lama, sulla grandezza del manico o sul grado di affilatezza, ma a volte ci dimentichiamo di quanto alla scelta di un ottimo set di coltelli debba corrispondere un uguale accuratezza nell’acquisto del giusto supporto. un buon coltello necessita di un supporto adeguato Coltello e tagliere sono due strumenti inseparabili e la funzionalità dell’uno dipende dall’efficienza dell’altro. Quando si parla di un buon tagliere vengono subito in mente caratteristiche come il materiale, la grandezza e la forma: tutti aspetti che devono assicurare igiene, una pulizia pratica senza residui e l’assenza di sostanze nocive. Oltre a capire quale sia la giusta forma e dimensione in base a ciò che si deve tagliare, bisogna anche considerare i rischi più comuni che si possono verificare, come per esempio: superfici che lasciano dei residui di materiale, la permanenza ostinata di odori o muffe, o ancora la scarsa stabilità del tagliere stesso. Vediamo allora come riconoscere un tagliere di qualità.

Materiale

Partiamo da un grande classico, ossia i taglieri di legno. Questo materiale, nonostante risalga alle prime fabbricazioni, ancora rimane una delle scelte migliori in fatto di igiene e sicurezza nel taglio. I legni più utilizzati sono il rovere, il pioppo e i compensati di abete, ma non mancano prodotti di ulivo e di essenze tropicali come il teak. Quale che sia la tipologia, considerate comunque che un legno di buon livello dovrà essere duro, compatto, senza fessure o grandi pori (nei quali possono annidarsi residui di cibo). Inoltre, i taglieri di legno si distinguono per l’ottima capacità di assorbire i segni dei tagli senza rovinarsi garantendo così una resistenza di lunga durata.

Ci sono poi i taglieri di plastica, realizzati comunemente in polietilene (PE), che nonostante garantiscano una buona funzionalità non assicurano un’igiene perfetta: a lungo andare, infatti, si potranno formare dei solchi o delle righe che andranno a trattenere i liquidi dei cibi e l’umidità residua. Una valida alternativa alla plastica – anche se più costosa – è il silicone: questo materiale garantisce una perfetta lavabilità e un’ottima aderenza ai piani di appoggio. Inoltre, a seconda delle vostre esigenze, potrete scegliere la variante rigida o flessibile.

Forma

La forma tipica dei taglieri è senz’altro quella rettangolare o tonda, anche se ultimamente non è difficile imbattersi in design originali e decorativi abbinati di solito a legni pregiati o ad altri materiali di nicchia, come il vetro. In ogni caso, preferite sempre un tagliere che abbia le apposite scanalature che consentono di trattenere il liquido di certi alimenti senza sporcare il piano di lavoro.

Dimensione

Forse la caratteristica più importante, perché dalla dimensione del vostro tagliere dipenderà l’uso che potrete farne. Per sicurezza meglio avere a disposizione due taglieri: uno di piccole dimensioni e uno medio grande. Con il primo – sotto i 25 cm di lunghezza – potrete tagliare verdure e odori, mentre con il secondo – tra i 30 e i 50 cm. – potrete dedicarvi a preparazioni più complesse, come la pasta fatta in casa o impasti dolci da stendere.

  1. Kesper 58599Pratico tagliere rettangolare (56 x 50 cm) in legno di bambù certificato con quattro piedini antiscivolo. Estremamente resistente ai tagli e adatto a qualsiasi tipo di coltello. Compralo su Amazon.
  2. VicloonSet di tre taglieri professionali di plastica di diverse dimensioni: grande per la carne cruda, media per la frutta e piccola per verdure. Tutti sono dotati di due lati, uno piatto e uno con scanalature per raccogliere il liquido degli ingredienti. Trovalo su Amazon.
  3. OnlyoneherePratico tagliere di silicone dalla forma circolare, perfetto per piccoli spazi. La sua doppia funzionalità, inoltre, consente di utilizzarlo sia come supporto per tagliare frutta e verdure, sia come ciotola per lasciare in ammollo gli ingredienti. Compralo su Amazon.
  4. Boska HollandL’utensile perfetto per gli appassionati di formaggi, grazie al suo particolare design dalla forma tondeggiante e al kit in dotazione composto da coltello, raschietto e campana di vetro. Trovalo su Amazon.
  5. ProsharpTagliere quadrato (35 x 35 cm) in legno di faggio naturale dalla forma pratica e poco ingombrante, utilizzabile da entrambe i lati con uno spessore di 2,9 cm. Compralo su Amazon.
  6. Grande tagliere in bambù.L’ampia superficie (40 x 26,7 cm) lo rende perfetto per tagliare cibi come pane, verdure e carni di grandi dimensioni. Dotato, inoltre, di quattro comodi piedini antiscivolo e di un piano liscio in legno di bambù, particolarmente indicato per coltelli e posate di plastica, vetro, legno di acacia, teak e acero. Trovalo su Amazon.
  7. Piccolo tagliere in legno faggioLe piccole dimensioni (12,5 cm) fanno di questo tagliere lo strumento perfetto per affettare cipolle e altri odori. Pratico ed ergonomico dotato di manico sottile e di un materiale 100% ecologico da lavare esclusivamente a mano. Compralo su Amazon.