Tradotto per voi: 3 modi per scoprire un limoncello fasullo

13 Dicembre 2019

L’articolo originale “3 red flags that tell you you’re drinking bad limoncello” di Tom Murray compare su Insider. Un breve elenco di indizi a cui fare attenzione quando si beve il limoncello per scoprire se sia autentico oppure no: l’abbiamo tradotto per voi.

Non tutto il limoncello è uguale. Di recente ho avuto il piacere di visitare i frutteti Pallini sulla Costiera Amalfitana nell’Italia del sud, dove i giganteschi limoni Sfusato Amalfitano sono raccolti a mano per la distillazione. Forse conoscete già la versione del limoncello tremendamente dolce che vi è offerto dopo cena nel vostro ristorante italiano di zona, o quello troppo colorato che avete comprato per regalare all’aeroporto. Il prodotto che ho provato a Salerno era qualcosa di molto diverso. Ho parlato con il presidente e CEO della Pallini, Micaela Pallini e con il manager dell’esportazione del brand, Luca Cervellione Pallini (è un’azienda a conduzione familiare), dei tre campanelli d’allarme che vi possono aiutare a distinguere tra un limoncello di qualità e quella roba che assomiglia a rifiuti tossici.

  1. Il limoncello cattivo vi allapperà la linguaSecondo Micaela, il limoncello cattivo vi allapperà, fenomeno che ha descritto come lingua ispessita: Non è una bella sensazione”, ha detto. Una migliore descrizione potrebbe essere che vi farà arricciare la bocca per via dell’asprezza. Un buon limoncello avrà un’asprezza fresca, non troppo sbilanciata, che lascia la lingua fresca e pulita”, ha aggiunto.
  2. Non odora di vero limoneDa Pallini hanno affermato che molte marche usino un’alta percentuale di alcol per coprire la scarsità o addirittura l’assenza di ingredienti naturali nel loro prodotto. Quindi, quando vi servono un limoncello, il primo odore che sentite non dovrebbe essere l’alcol. In un buon limoncello si possono davvero sentire i profumi della Costiera Amalfitana”, ha detto Micaela.
  3. La bottiglia non riporta il luogo d’origine dei limoniCervellione ha detto che la qualità dei limoni usati nella produzione determina il sapore del liquore. Quindi, se il vostro limoncello non dichiara chiaramente da dove provengono i suoi ingredienti principali, è probabile che non vogliano che lo sappiate. Siamo orgogliosi di dire che usiamo i limoni della Costiera Amalfitana perché sono davvero speciali”, ha detto Luca. I limoni Sfusato Amalfitano sono unici per la loro grande dolcezza e bassa acidità – si possono letteralmente mordere come fossero mele senza far arricciare la bocca. Questi limoni hanno l’albedo (la massa bianca spugnosa che separa la buccia dal frutto) molto più spesso rispetto ai limoni normali, il che li rende ideali per la distillazione in quanto il frutto vero e proprio è scartato durante la produzione del limoncello. 

Traduzione a cura di Paola Porciello.

I Video di Agrodolce: Torta di pere