Finger food per le feste natalizie: 12 ricette sfiziose dolci e salate

21 Dicembre 2019

Il Natale è la festa della condivisione. Ci scambiano abbracci, saluti, regali. Ci troviamo tutti a tavola e condividiamo (tante) ore in buona compagnia tra una portata e l’altra, un calice di vino e l’altro. bocconcini veloci per anticipare la cena Ogni famiglia ha le sue abitudini, le sue tradizioni e le sue ricette ma se volete dare un tocco di novità alle feste, senza stravolgerne il ritmo naturale, perché non provare con dei simpatici finger food? Un bocconcino tirerà l’altro tra luci e colori. Queste piccole specialità possono esser un buon modo di accogliere gli ospiti mentre terminate gli ultimi preparativi, un’occasione per assaggiare qualcosa di diverso durante il pranzo o la cena oppure un fine pasto un po’ più dinamico, adatto a sgranchirsi le gambe e a chiacchierare in libertà. Vi abbiamo ingolosito?

  1. Bignè delle feste: un antipasto raffinato, ma facile da preparare e di sicuro effetto. Le farciture che vi andiamo, infatti, a proporre, non sono dolci come al solito, ma salate… un ottimo modo per lasciare i vostri ospiti a bocca aperta. Potete quindi riempire i bignè delle feste con una spuma di mortadella o tonno, con cicoria ripassata e pancetta, mousse di avocado e salmone affumicato, crema di ricotta e pomodorini secchi o erba cipollina tritata. Potete scegliere una sola farcitura o proporne di diverse così ognuno potrà ritrovare i suoi sapori preferiti. 
  2. Cupcake salati: altra ricetta scenografica, perfetta per stupire i vostri ospiti e accompagnarli in una nuova esperienza di gusto. I famosi dolcetti americani possono, infatti, diventare deliziosi finger food salati, colorati e appetitosi. I cupcake delle feste sostituiscono la decorazione fatta di crema o di pasta di zucchero con formaggio spalmabile. Le diverse tonalità possono essere riprodotte con pesto verde o rosso, maionese, purè di patate o di zucca, mousse di prosciutto cotto. La base, invece, è una tortina salata, resa ancora più interessante dalla presenza della fontina. E se non avete voglia e tempo di sbizzarrirvi con i colori, vi basterà realizzare dei cupcake al salmone e piselli, altrettanto interessanti e adatti ai sapori delle festività.
  3. Vol au vent con ripieno cremoso: questi piccoli cestini di pasta sfoglia sono perfetti per realizzare gustosi finger food. Come per i bignè, le farce possono essere tante ma, visto il periodo, vogliamo sfruttare un ingrediente tradizionale delle feste. Stiamo parlando del baccalà o stoccafisso, ovvero merluzzo salato o essiccato, diffusissimo sulle tavole natalizie italiane. Per riempire i vol au vent la ricetta più interessante è il baccalà mantecato, una specialità veneta adatta anche a una cena di magro, come quella della Vigilia.
  4. Alberelli di sandwich: come vestire per le feste i classici paninetti in pancarré? È molto semplice e vi divertirete sicuramente a prepararli. Per prima cosa, con uno stampino per biscotti, realizzate tanti alberelli di pancarré, possibilmente senza crosta. Spalmateli con una noce di burro salato o di formaggio spalmabile. Pulite e tagliate il cetriolo in modo da creare delle piccole scaglie in grado di ricordare i festoni che decorano l’albero di Natale. Completate il tutto con un pizzico di pepe bianco macinato fresco. Facile, no? Se avete in casa uno stampino a forma di stella minuscolo, potete ricavare una specie di puntale con una sottiletta di formaggio o una striscia di salmone affumicato.
  5. Stelline di tartine: altro antipasto classico con una forma speciale dedicata al Natale. Vi basterà avere uno stampo adatto e un pizzico di fantasia. La base, infatti, può essere un semplice pane da sandwich oppure pane nero, polenta o ancora pasta sfoglia. E la farcitura? Per rimanere sul classico, optate per uno strato di formaggio morbido di capra e una fettina di salmone affumicato oppure un cucchiaio di salsa tonnata decorata con un chicco di melagrana. Se amate i gusti forti, l’abbinamento gorgonzola e pere è, invece, ciò che fa per voi. Se preferite iniziare in modo delicato, provate la mousse di mortadella con granella di pistacchi oppure una crema di grana padano e una fettina di bresaola.
  6. Polpette di gamberi: ispirati da quelle che potremmo definire precorritrici del variegato mondo dei finger food, le olive ascolane, a Natale portiamo in tavola delle simpatiche polpettine, da spizzicare, magari, con stuzzicadenti a tema. Tra l’altro sono pratiche: si possono preparare, congelare e friggere o cuocere al forno sul momento. Per un sapore invernale, provate le polpette di gamberi e ceci oppure gamberi e patate. Per rendere il piatto più sfizioso servite il tutto con una salsa aromatizzata allo zenzero o allo yogurt. E se avete ospiti vegani potete servire semplici ma sfiziose polpette ai ceci.
  7. Cannoncini salati vegan: abbiamo appena accennato a ospiti con particolari esigenze alimentari che si discostano dalla tradizione. Niente paura, le soluzioni esistono e possono tentare anche il più affiatato “carnivoro”. Per esempio dei cannoncini salati realizzati con pasta fillo, farciti con hummus di ceci e cipolla caramellata oppure crema di broccoli e pomodorini secchi tritati o ancora con una mousse di lenticchie e spezie.
  8. Cestini di cotechino e lenticchie: in moltissime famiglie questi due ingredienti rappresentano il piatto forte di Natale e oggi vi facciamo scoprire come trasformarli in ottimi finger food. Potete, infatti, mescolare le due preparazioni per creare delle saporite polpette oppure servirli in mono porzioni su una base di pane tostato o di polenta. Per un servizio raffinato, invece, realizzate, come supporto, dei cestini di pasta sfoglia. E per dare una nota più croccante potete completare i vostri finger food con granella di nocciole tostate.
  9. Frittelle di Natale: e i finger food non possono essere solo ricette salate, ma anche dolci, come ci insegna la tradizione. Le frittelle di Natale sono, infatti, un grande classico delle feste e un goloso modo per concludere il sontuoso pasto. Se volete aggiungere un tocco di atmosfera potete aggiungere all’impasto uvetta e canditi oppure, alla fine, cospargerle di zucchero a velo e cannella in polvere. 
  10. Fichi secchi ripieni: altro ingrediente tradizionale delle feste. In Cilento, per esempio vengono riempiti con frutta secca, finocchietto e scorza di agrumi, in Calabria con noci e scorza di mandarino e, in certi casi, vengono poi coperti di cioccolato fondente. Già nell’Antica Grecia questi frutti erano simbolo di fertilità quindi rappresentano un gentile messaggio di buon augurio, oltre che un delizioso finger food. Se avete voglia di provare qualcosa di diverso, farcite i fichi secchi con crema di ricotta e polvere di cannella oppure con formaggio cremoso e ricoprite con cioccolato bianco e ribes rossi.
  11. Brownies di Natale: dalla tradizione anglosassone ci arriva in aiuto questo pratico e golosissimo dolce che, tradizionalmente, si serve a quadratini e può essere decorato in tanti modi diversi. Per dare un tocco più particolare alla vostra tavola di Natale presentate i brownies cioccolato e menta magari tagliati con la forma di una stella o di un alberello. Potete poi aggiungere in superficie una glassa verde alla menta, smarties verdi e rossi o zuccherini dalla forma di cristallo di neve.
  12. Cake pops: altra ricetta che farà impazzire i bambini. I cake pops sono palline di torta decorate, proposte su dei supporti. Ricordano il chupa chups che desideravamo tanto da piccoli. Potete preparare l’impasto base da zero oppure comprare un pan di spagna già pronto, spezzettarlo e amalgamarlo con formaggio morbido per rendere il composto più maneggevole. Le palline sono poi immerse nel cioccolato (fondente, al latte, bianco) e infine decorate con pasta di zucchero, codette, caramelle sbriciolate, smarties, e così via. Se siete un po’ pratici con il cake design potete realizzare delle vere opere d’arte, disegnando sulla superficie dei cake pops il volto di babbo Natale o di un pupazzo di neve, fiocchi, renne, rametti di vischio e tanto altro ancora.