Acai bowl: cos’è, come si prepara e i topping più invitanti

5 Gennaio 2020

Partiamo dal nome, perché in questo caso il nome è illuminante. Bowl è un termine inglese, in italiano significa ciotola. Le bacche di acai sono i piccoli frutti di una palma arborea originaria del Brasile e coltivata praticamente in tutto il Sud America. Hanno un colore violaceo, sono simili ai mirtilli e meritano un posto d’onore nell’elenco dei superfood grazie alle loro numerose proprietà benefiche.

Proprietà delle bacche di acai

Queste esotiche bacche, infatti, possiedono grandi quantità di antiossidanti, antocianine e acidi grassi, di conseguenza rallentano l’invecchiamento della pelle, giovano alla salute dei capelli e delle unghie,bacche esotiche dalle numerose proprietà benefiche  contrastano il colesterolo cattivo e la fragilità capillare, proteggono il cuore e l’apparato cardiocircolatorio, accelerano il metabolismo.  Contengono anche sali minerali e vitamine, Omega 3 e Omega 9, quindi sono energetiche e aiutano a combattere il senso di stanchezza e lo stress. Migliorano l’attività dell’apparato digerente, sono un’ottima fonte di fibre, esercitano un effetto disintossicante sull’organismo e addirittura ostacolano la formazione della cellulite. Come usufruire di tante virtù? Torniamo ai due termini in questione: bowl e acai. Ebbene, la risposta è proprio l’Acai Bowl, un food trend nato negli States e adesso approdato anche in Europa.

Cos’è l’Acai Bowl e come si prepara

L’Acai Bowl è una ciotola contenente bacche di acai – fresche o congelate – frullate con banana o fragola, granella di mandorle, cocco grattugiato, mezzo bicchiere di latte di soia o di mandorla e un po’ di miele. Il risultato è una via di mezzo fra lo smoothie e la granita; se si desidera aumentarne la consistenza, basta unire un po’ di yogurt. Doveroso specificare che, in realtà, la scelta relativa alla frutta è libera, nel senso che chi lo preferisce può sostituire la banana e la fragola con il mango, il kiwi, l’ananas. O mettere un po’ di tutto. E questa è la base. Passiamo ai topping.

I topping più invitanti

L’Acai Bowl può essere arricchita e decorata innanzi tutto con qualche generosa cucchiaiata di muesli o soltanto cereali; una seconda, gettonata opzione consiste nell’aggiunta di frutta fresca a pezzetti, la stessa utilizzata per la preparazione della base oppure altre tipologie (prendete in considerazione more e lamponi). Benissimo anche le mandorle, le noci, gli anacardi, così come i semi di lino e i semi di chia. I più esigenti non rinunciano agli sciroppi di frutta, noi suggeriamo quello di maracuja. Il tocco finale? Qualche fogliolina di menta oppure qualche fiocco di cocco. L’Acai Bowl è perfetta a colazione, fa iniziare al meglio la giornata, ma rappresenta anche una lodevole merenda.

I Video di Agrodolce: Cestini di purè