Mangiato da noi: Rebel Whopper di Burger King

7 Gennaio 2020

Negli ultimi anni si è fatto un gran parlare della carne-non-carne, un impasto con cui sono preparati hambuger, polpette e altre specialità che sostituisce, in gusto e consistenza, la carne. l'alternativa vegetariana al classico whopper di burger kingVi abbiamo già parlato del Beyond Burger e dell’Impossible Burger, buonissimi, ma con prezzi che in Italia variano tra i 15 e i 16 euro. Ecco allora che Burger King, nota catena di fast food made in USA, ha deciso di portare anche in Italia il suo Rebel Whopper, il classico della catena, ma preparato utilizzando i burger di The Vegetarian Butcher (azienda affiliata a Unilever). Oltre al burger il Rebel Whopper contiene insalata, pomodori, cipolla, cetriolini sott’aceto, maionese e ketchup, come ogni buon whopper che si rispetti. Ma com’è questo panino che, idealmente, vuole riportare vegani e vegetariani nei fast food? Scopriamolo insieme.

VISTA

Quando è incartato il Rebel Whopper ha quella bella apparenza da panino grassoccio e gustoso che hanno tutti i burger della catena. Una volta tolto l’involucro però l’apparenza delude un po’: il colore del burger è tendente al grigio e la forma è un po’ squadrata, facendolo sembrare un po’ quegli hamburger finti componibili che si trovano nei kit giocattolo per bambini. Oltretutto, seppur nell’immagine pubblicitaria si vedano delle strisce da griglia sul burger, nella realtà non se ne trova nemmeno mezza, quasi a far pensare che il panino non sia stato grigliato. Un punto a favore è sicuramente il pane, morbido e con tanti semi di sesamo sopra.

GUSTO

Al primo morso il sapore che ci si ritrova in bocca è quello preponderante della cipolla cruda, con un retrogusto di cetriolo sottaceto e un picco di ketchup sul finale. Il gusto del burger tra questi sapori scompare completamente. A un secondo assaggio esce un po’ più distintamente il sapore di nulla del burger, sempre però decisamente coperto dai condimenti. Per capire meglio la prova da fare è l’assaggio in purezza, ed è lì che la delusione si fa cocente: il sapore non ha nessun picco riconoscibile, giusto forse un leggero retrogusto di funghi. Di certo il burger nel suo insieme non lascia un sapore piacevole in bocca, ma solo cipolla cruda e ketchup.

CONCLUSIONI

Se siete vegetariani e siete costretti, per un qualsiasi motivo, a mangiare da Burger King è ovvio che questo panino risponderà alle vostre esigenze. In altri casi, non vi consigliamo di provarlo. Se siete vegani, inoltre, il burger non fa per voi: è pieno di maionese. Sicuramente non ci si può aspettare molto da un panino che costa, da solo, 4,80 € e 7 € con il menu completo, considerato che i costi più o meno ovunque di panini delle stesso genere, ma con una qualità e una somiglianza alla carne molto maggiori, sono di quasi il triplo.

I Video di Agrodolce: Polpettone ripieno