È arrivata anche la Birra Zibibbo

30 Gennaio 2020

L’appuntamento è per il prossimo 10 febbraio presso la pizzeria Bob Alchimia a Spicchi di Catanzaro: questa la data, questa la location scelta per la prima presentazione ufficiale della Birra Zibibbo, una novità che sta catturando l’attenzione generale. Ma facciamo un passo indietro. 

Il sodalizio fra due aziende calabresi

Cantine Benvenuto è un’azienda fondata nel 2012 da Giovanni Celeste Benvenuto a Francavilla Angitola, in provincia di Vibo Valentina, e specializzata nella produzione di vini. Vini ricavati da vigneti autoctoni coltivati su terrazzi naturali a un’altitudine di 350 m.s.l.m. Giovanni è colui, per intenderci, che – con l’aiuto di altri esperti del settore, tutti rigorosamente calabresi – ha portato alla rinascita lo Zibibbo di Pizzo, il quale sembrava ormai destinato a scomparire e invece non solo è stato salvato per quanto ormai da qualche tempo figura fra i Presidi Slow Food. Il Benvenuto 2018, inoltre, è entrato nella guida Slow Wine 2020. Maltonauta è un birrificio ancora più giovane; è nato infatti nel 2017 grazie all’intraprendenza di Giuseppe Salvatore Grosso Ciponte, homebrewer, degustatore e relatore di birre, e alla passione di Marco Longo, grande conoscitore della birra artigianale. Giuseppe Salvatore Grosso Ciponte ama sperimentare, cimentarsi in produzioni alternative, e nel suo ultimo nonché ambizioso progetto ha coinvolto non solo Longo e il loro team ma anche, appunto, le Cantine Benvenuto. Sì, Giovanni Celeste Benvenuto ha accettato di partecipare all’avventura e il risultato è proprio la Birra Zibibbo.

Com’è fatta

Si tratta di una Italian Grape Ale brassata con uva o mosto (le percentuali arrivano al 40 per cento); è la prima fatta con i grappoli appassiti di Zibibbo, esattamente quelli del Presidio Slow Food. Ha un colore chiaro, un aroma elegante e delicato, un retrogusto fruttato e lievemente mandorlato. E’ una birra non filtrata e non pastorizzata, rifermentata in bottiglia. La gradazione alcolica è pari a 6 gradi, scende giù con estrema facilità ma non manca di personalità. Anzi. Dinanzi al primo lotto, le due aziende si sono congratulate con se stesse e hanno sentito aumentare la voglia di scommettere su questo nuovo prodotto. Sono quindi già alle prese con ulteriori produzioni. E se vi trovate in Calabria, o capitate da quelle parti e siete mossi dalla curiosità, ricordatevi l’appuntamento del 10 febbraio. Ci saranno tutti e tre: Marco, Giuseppe e Giovanni.

I Video di Agrodolce: Trota salmonata al forno