Mercato Centrale arriva a Milano (con un nuovo format)

24 Febbraio 2020

Mercato Centrale arriva a Milano con un nuovo format. Non solo cibo ma anche arte, musica e cultura ridaranno vita al lato della Stazione Centrale che si affaccia su piazza IV Novembre. l'apertura avverrà nella prima metà di aprile nei pressi della stazione centrale Da molto tempo, infatti, la piazza aveva subito un forte degrado dovuto alla chiusura dei negozi che occupavano questa facciata della stazione. “L’apertura del Mercato Centrale – conferma l’assessore all’urbanistica, al verde e all’agricoltura Pierfrancesco Maran – rappresenta un importante tassello del piano di rigenerazione in corso nell’area della Stazione, fortemente voluto dal Comune, Grandi Stazioni Retail e Ferrovie dello Stato con l’obiettivo di renderla un luogo più accogliente e sicuro per i milanesi e i turisti che visitano la nostra città“. Così, a partire dalle 7 del mattino del 16 aprile (questa l’ultima data prevista), come ha promesso il presidente di Mercato Centrale Umberto Montano, le luci torneranno a illuminare la piazza e il Mercato aprirà a Milano.

I numeri sono importanti e parlano di quasi 5000 metri quadrati, su 2 piani con 25 botteghe, 1000 posti a sedere, 200 metri quadrati di dehors e 350 addetti (online ci si può candidare per le posizioni aperte). L’investimento tocca i 7 milioni di euro e la formula è quella già vista a Firenze, Roma e Torino ovvero dare visibilità agli artigiani che stanno scomparendo dal panorama cittadino.

Le botteghe in via di conferma

Tanti i pettegolezzi che circolano sulla compagine che animerà Mercato Centrale. Si parla di un piccolo mulino di Viva la Farina di Faule (Cuneo), una panetteria di Davide Longoni, un caseificio gestito dalla cremonese Carioni, la pasta fresca di Michelis di Mondovì, un mercato di prodotti biologici, uno spazio dedicato al pesce, due macellerie (Savigni e Toraia), un’enoteca, un fiorista, un chiosco di frutta verdura e frullati, ristoranti dedicati alla cucina cinese fra cui la Ravioleria Sarpi, la pizza di Crosta e al barbecue all’americana di Joe Bastianich. I nomi saranno confermati in corso d’opera anche se i partner storici che hanno aderito nelle altre città, come Savini Tartufi o Lorenzo Nigro col suo lampredotto, dovrebbero essere al fianco di Montano anche nell’avventura milanese. Gelati e cocktail verranno da Torino con le mille declinazioni di cioccolato di Mara dei Boschi e la mixology di Barz8. Per il momento il primo nome confermato è quello di Potafiori, il Bistrot dei fiori della Cantafiorista Rosalba Piccinni.

Alessio Bertallot, dj, musicista e conduttore radiofonico a cui il Mercato ha affidato la direzione artistica di Radio Mercato Centrale nel 2016, ha realizzato MI-SIDE, il progetto culturale esclusivo per la città di Milano. MI-SIDE è l’indagine di Bertallot che porta alla scoperta di una città inclusiva, ricca di innovazione e linguaggi fuori dagli schemi per una produzione di 6 video d’autore. Il progetto costituirà anche la campagna di comunicazione di lancio di Mercato Centrale.