Crazy Gin: lo spirit di moda diventa anche indiano

28 Febbraio 2020
di Federica Fedeli

Il Crazy Gin è stato inventato da Bruce e Paramjit Nagra, una coppia inglese di origini indiane. Dopo una cena indiana take away che gli ha fatto rimpiangere il loro vero cibo tradizionale, Bruce e Paramjit hanno voluto creare un drink che riflettesse le loro origini.

Il Crazy Gin infatti mescola il Lassi, drink tipico della tradizione indiana creato yogurt, spezie, acqua e frutta, con il gin, uno dei liquori preferiti dagli inglesi.

Ingredienti indiani

La caratteristica principale del gin matto è la distillazione sottovuoto, ideata per valorizzare i sapori del lassi e degli ingredienti punjabi: alle spezie come curcuma, cumino, coriandolo e pepe nero sono poi aggiunti bacche di ginepro (l’ingrediente fondamentale del gin) e lo yogurt. La presenza dello yogurt, dal sapore acidulo, e del ghee (burro chiarificato tipico delle preparazioni indiane) danno a questa bevanda una consistenza cremosa, rendendo il Crazy Gin un prodotto unico.

Come berlo

Secondo i suoi creatori, il Crazy Gin può essere bevuto con l’aggiunta di acqua tonica e ghiaccio, magari del coriandolo per contrastare i sapori decisi delle spezie, oppure con una fetta di pompelmo per sgrassare la sua acidità. La sua formulazione lo rende anche la base perfetta per cocktail creativi dal sapore particolare, come un Mango Lassi o una Piña Colada dal gusto orientale. Al momento è ancora praticamente introvabile in Italia, ma se amate la miscelazione potete acquistarlo sul sito dell’azienda CrazyandCo e provare a preparare a casa alcuni dei cocktail proposti da loro.