Home How to Quarantini, il cocktail online ai tempi della quarantena

Quarantini, il cocktail online ai tempi della quarantena

di Raffaella Galamini

In tempi di quarantena la rete si attrezza per rendere più leggera la reclusione: nasce così il Quarantini, un cocktail da bere via webcam con gli amici.

È il cocktail del momento. Da sorseggiare rigorosamente da soli, al massimo in webcam con gli amici. In tempi di Coronavirus l’unica soluzione, con i bar chiusi e l’obbligo di stare a casa, è bersi un Quarantini. Questo cocktail di fantasia è subito diventato popolarissimo sui social e in generale sul web. Per alcuni altro non sarebbe che un Martini da bere in solitudine o al massimo in videochat con i più fidi compagni di sbronze. Per altri invece è un cocktail a tutti gli effetti e in rete circolano già diverse ricette.

Ricetta del Quarantini

La più divertente è quella a base di vodka o gin, miele, limone e vitamina C. L’idea di fondo è che l’alcol sia un alleato nell’uccidere i germi, la ricetta di base prevede vodka o gin, miele, limone e vitamina c mentre miele e limone aiuterebbero le difese immunitarie al pari della vitamina C. Purtroppo non ci sono riscontri scientifici sull’efficacia dei singoli ingredienti contro il Covid-19, ancor meno sui benefici del drink sulla salute in generale. Per chi voglia comunque provare a preparare questo drink servono pochi, essenziali ingredienti più o meno alla portata di tutti anche in tempi di supermercati presi d’assalto. Vanno usati vodka o gin, limone e miele, da shakerare assieme. La vitamina C può essere fissata sull’orlo del bicchiere, dopo averlo bagnato con acqua, limone o miele come si fa talvolta per altri cocktail. Altrimenti si può aggiungere direttamente la vitamina C al Quarantini nello shaker.

C’è chi suggerisce uno shot di vitamina C e a seguire un bel sorso di cocktail. Insomma ci sono diverse alternative anche se una delle aziende più famose degli Stati Uniti che produce compresse a base di vitamina C, l’Emergen-C sconsiglia vivamente l’uso del prodotto con l’alcol. Tale presa di posizione si è resa necessaria dopo che si sono cominciati a diffondere sul web interi ricettari di cocktail dove i grandi classici come il Negroni e l’Old Fashioned sono riproposti con l’aggiunta di vitamina C.

Altre versioni

Tornando al Quarantini la ricetta alla vitamina C che circola su Internet non è l’unica. C’è chi di ritorno dalla Spagna ha proposto la versione ispanica a base di Tito’s Vodka, fette di arancia e vermouth. Su Twitter invece, molti suggeriscono questa versione, ribattezzata la Quarantena, per veri bartender: 2 misurini di bourbon, 1 misurino di succo di limone, 3/4 di liquore Luxardo e 1/4 di sciroppo alimentare. Tutte versioni che meritano di essere provate tranquillamente a casa per combattere di sicuro la solitudine in questo momento così particolare, anche se il segreto per il cocktail perfetto è e resta sempre il solito: bere in compagnia, anche se via webcam.