Consigli: come ordinare a domicilio in totale sicurezza

21 Aprile 2020

Hai voglia di una pizza. Scegli una delle app che la consegnano direttamente a casa tua. Ma tra te e quel cartone fumante ci sono due problemi: il coronavirus e le norme di sicurezza da applicare al food delivery. Sì, perché se prima l’unica preoccupazione era “Ma quanto ci mette?“, ora le cose sono cambiate. Il principale interrogativo è diventato: “Ma il rider avrà guanti e mascherina?“. Ecco quali dovrebbero essere le accortezze di cucine e corrieri per consegnare e ricevere il cibo a domicilio in totale sicurezza (e a dirlo non siamo noi, ma gli scienziati).

  1. Lavati le mani. La prima norma, la più importante resta la stessa, sempre: lavarsi le mani. Secondo il dottor Eric Cioe-Peña, director of global health al Northwell Health il take away e il food delivery sono sicuri solo se, dopo aver rimosso il packaging, ci si lava le mani. Infatti, anche se un cameriere o chi vi ha preparato il panino che state per mangiare, ha starnutito nel vostro cibo, non è da lì che vi prenderete il coronavirus. Quindi: rimuovi il packaging, lavati le mani e solo allora mangia. 
  2. Mantieni le distanze. Se ordini al drive in, ricorda di mantenere le distanze. Il dottor Jaimie Meyer, professore alla Yale School of Medicine, indica il drive in come un modo per variare la nostra alimentazione. Ma attenzione: mantenere le distanze è essenziale. Rimanere in macchina e magari far appoggiare il cibo direttamente nel bagagliaio dell’auto, così come avviene in molte filiali dell’Alveare che dice di sì, è il modo più sicuro per praticare la social distance. E comunque, quando torni a casa, ricorda di lavarti le mani.
  3. Paga con la carta (oppure online). Il denaro è uno dei veicoli privilegiati del virus. Maneggiarne il meno possibile è uno dei modi che abbiamo per proteggerci. Quindi, quando ordini online, cerca di pagare in anticipo la tua cena. Oppure, se scegli il pagamento alla consegna, menziona che pagherai col bancomat. Meglio non firmare alcuna ricevuta con quella penna maneggiata da tutti… E ricordati di lavarti le mani.
  4. Come ritirare il cibo. Qui la situazione si fa machiavellica. Se si è positivi al Covid-19, bisognerebbe avere l’intelligenza, il senso civico e la bontà di non aprire la porta al fattorino che porta la cena senza dispositivi di protezione. Bastano guanti e mascherina per prendersi cura del prossimo. Oppure, pagando in anticipo, si può chiedere di poggiare il cibo direttamente fuori dalla porta, magari in un contenitore termico allestito sul pianerottolo. 
  5. Non fare scorte eccessive. I supermercati non resteranno vuoti. Quindi non c’è bisogno di intasare i siti per la spesa online con richieste da dispensa della Seconda Guerra Mondiale. Non è solo un modo per non soccombere a pensili stracolmi, ma anche per prenderci cura del prossimo: c’è qualcuno a cui quel pacco di farina in più che stai per comprare potrebbe davvero servire.