Keglevich lancia l’iniziativa #aNoiCheStiamoUniti, brindisi a distanza

27 Aprile 2020

Chi l’avrebbe detto che una semplice passeggiata, una pizza con gli amici, quattro chiacchiere al bar, una serata al pub sarebbero diventati desideri grandi e, per il momento, impossibili. un brindisi a distanza per sentirsi uniti L’emergenza Coronavirus e la quarantena hanno completamente ribaltato le geometrie quotidiane, allontanandoci da quella normalità comune a tutti. E forse, d’altra parte, insegnandoci ad apprezzare i più piccoli piaceri e a non dare nulla per scontato. Proprio partendo dai piccoli piaceri di cui tanto sentiamo la mancanza, l’agenzia creativa Leagas Delaney, in collaborazione con la piattaforma Friendz, ha ideato per Keglevich, noto marchio produttore di vodka, la campagna social #aNoiCheStiamoUniti, lanciata qualche giorno fa su Instagram.

Un brindisi a distanza

A Noi Italiani che non ci lasciamo scoraggiare; a Noi che tutti insieme ce la faremo; a Noi che, anche se siamo ognuno a casa sua, non ci siamo mai sentiti così vicini; a Noi che non perdiamo la voglia di brindare insieme e supportarci gli uni con gli altri”: queste le parole che presentano e caratterizzano la campagna social #aNoiCheStiamoUniti, con cui  Keglevich mira a coinvolgere il maggior numero di persone possibile e accorciare queste distanze obbligatorie cui è davvero difficile abituarsi. Come partecipare? Basta fare un brindisi. Cioè, compiere, sia pur virtualmente, uno dei gesti che più amiamo e che meglio richiamano l’idea di convivialità. Di libertà, verrebbe da aggiungere di questi tempi. Comunque sia, per essere più precisi bisognerebbe pubblicare su Instagram due scatti in cui i calici appaiano alzati e che accostati sembrino toccarsi. Come se le distanze fossero annullate, appunto.

Centinaia di foto dai luoghi più diversi

La campagna di Keglevich ha già coinvolto numerosi internauti, persone che non hanno perso la voglia di condividere un cin cin anche soltanto tramite i social. Ed è davvero un bel vedere: l’hashtag #aNoiCheStiamoUniti conduce a centinaia di foto scattate nei luoghi più disparati. Centinaia di mani, appartenenti a uomini e donne di ogni età; centinaia di bicchieri, diverse bevande – trionfa il vino, ma non mancano liquori e aperitivi – e soprattutto diversi sfondi. Ecco, sono proprio questi ultimi a restituire l’immagine di un’Italia che si sta dimostrando davvero unita. Che si tratti di una grande città, di un paese, di una campagna, di una località sul mare o in montagna, del Nord, del Centro o del Sud, il messaggio è lo stesso: si resta a casa. Almeno per un altro po’. C’è tempo fino alla fine di aprile per partecipare a questa iniziativa, aggiungendo il tag @KeglevichItalia.

I Video di Agrodolce: Dolce Cleopatra