Tutti i piatti che puoi fare con una scatola di ceci

25 Maggio 2020

La pianta dei ceci è stata tra le prime a essere domesticata dall’uomo. Appartenente alla famiglia delle Fabaceae, il cicer arietinum deriva il suo nome dal latino e dalla somiglianza che i suoi semi hanno con il profilo della testa di un ariete. Ricchi di proteine vegetali e di fibre, i ceci sono anche molto utili per combattere l’anemia, grazie alla quantità di ferro che contengono e si trovano tutto l’anno.

Sono perfetti per ricette invernali ed estive, dolci o salate che siano. Che diventano molto più rapide se scegliamo i ceci precotti in scatola, il legume post-apocalittico perfetto, come insegna Zerocalcare. Vediamone insieme qualcuna.

  1. Hummus. La ricetta forse più famosa è quella dell’hummus di ceci, preparazione tipica del Medio Oriente che mescola il legume con la tahina, l’aglio, il succo di limone e i semi di cumino. La crema densa che si ottiene è decisa ma equilibrata: la delicatezza dei legumi è smorzata dall’acidità del limone e dal gusto intenso dell’aglio e del cumino. 
  2. Burger di ceci. Variante vegetariana dei più tradizionali hamburger, utilizzando i ceci precotti si preparano in un attimo, aggiungendo le spezie che preferiamo. Si possono usare per farcire dei panini fatti in casa: scegliete di accompagnarli con feta sbriciolata e cetrioli oppure accompagnateli con una insalata di carote. Potete anche creare un formato più piccolo da servire durante l’aperitivo. 
  3. Falafel. Polpettine fritte di origine mediorientale, tipiche soprattutto della Siria e del Libano, i falafel erano l’alimento che sostituiva la carne nei giorno del digiuno dei copti egiziani mentre in Siria, Palestina e Israele sono apprezzati da tutte le comunità religiose (anche da quella ebraica che li ammette in quanto conformi ai precetti kosher). L’impasto di ceci è arricchito con cipolla, prezzemolo, cumino, coriandolo. Si possono servire anche come aperitivo insieme a una salsa allo yogurt oppure con l’hummus. 
  4. Vellutata di ceci. Piatto versatile che si può aromatizzare a piacimento o usare come base per altri abbinamenti, si realizza semplicemente cuocendo i ceci e frullandoli fino a ottenere una consistenza cremosa.  Per una variante più la vellutata si può guarnire con gamberi saltati in padella, pancetta croccante o con l’aggiunta di baccalà mantecato al latte. 
  5. Pasta e ceci. Classico piatto comfort food, semplice ed economico, nella pasta con i ceci è indispensabile il profumo del rosmarino. Facile da preparare, nella sua versione con ceci precotti è sufficiente aprire una scatola, versarne il contenuto in una pentola insieme all’acqua di coltura, aggiungere ancora un po’ d’acqua o brodo a seconda della densità che si vuole ottenere, portare a bollore, quindi calare la pasta, cuocere e verso la fine aggiungere un pizzico di pepe nero e rosmarino possibilmente fresco. Se preferite una versione un po’ più strong, potete iniziare soffriggendo leggermente i ceci nell’aglio, quindi aggiungendo l’acquafaba o il brodo. 
  6. Totani con ceci. Tra i tanti secondi che si possono preparare con i ceci c’è la ricetta con i totani. Qui, oltre al rosmarino, per profumare il piatto possiamo usare timo, origano o maggiorana. Per avere un sugo ancora più corposo, possiamo aggiungere dei pomodori pelati o, in alternativa per una versione più elegante, i ceci possono essere frullati e ridotti in purea, serviti su un piatto piano e sormontati dai totani e dal loro fondo di cottura. 
  7. Hummus dolce. Una variante della ricetta originale prevede la dolcezza. L’hummus dolce, conosciuto negli Stati Uniti come dessert hummus, si prepara frullando i ceci e aggiungendo cacao amaro, miele, tahina, acqua fredda e un pizzico di sale. Si può servire con nocciole tritate, cioccolato e semi di sesamo ed è ottimo come crema spalmabile sul pane.
  8. Torta cioccolato e ceci. Poiché si abbinano così bene al cacao, i ceci precotti si possono utilizzare anche per preparare una torta. Per la base basta aggiungere a 300 g di ceci lessati e scolati 135 g di cioccolato fondente, 75 g di zucchero, 8 g di lievito in polvere per dolci, 1 pizzico di vaniglia, 2 uova e 50 ml di latte o bevanda vegetale. Una volta cotta in forno a 189 °C per 25-30 minuti, la base torta può essere farcita a piacimento, con ganache fondente e frutta fresca, con crema, con panna vegetale. 
  9. Su Cixirau. Dolce antico e semplice tipico di Sarrabus, in provincia di Cagliari, consiste in un pasticcio di ceci lessati e mischiati a un infuso di sapa,miele, zucchero, caffè, cannella, chiodi di garofano, zenzero, noce moscata e scorza di agrumi essiccati. Da tradizione è previsto per il periodo natalizio ed è quasi certamente di origine araba. Per la sua preparazione è sufficiente mettere i ceci cotti in un frullatore e mixarli, fino a ottenere una purea morbida. Quindi aggiungere il caffè con lo zucchero, la buccia dell’arancia e le spezie, amalgamando bene e trasferendo poi il composto in una pentola antiaderente insieme al miele. Lasciare asciugare a fuoco basso, mescolando in continuazione, quindi aggiungendo la sapa un po’ alla volta. Infine, trasferire il composto in una pirofila e far raffreddare, completando con confettini colorati a piacimento.
  10. Pancake all’acquafaba di ceci. Una versione vegana dei pancake prevede di utilizzare l’acquafaba al posto di albumi e uova. L’acqua di conservazione dei ceci, infatti, è molto utile in cucina come legante e addensante naturale per la preparazione di varie ricette. Una volta montata con le fruste (da fredda) acquisisce una consistenza molto compatta. Per utilizzarla al posto delle uova ne serviranno 3 cucchiai per ogni uovo previsto. Quindi, riprendendo gli ingredienti della ricetta originale dei pancake, basterà sostituire le uova con l’acquafaba per ottenerne di altrettanto spumosi e soffici. 

I Video di Agrodolce: Cosmopolitan