The Gin Way: gin a domicilio per scoprire il distillato in maniera differente

5 Giugno 2020

Se vi piacciono le sorprese e ricevere scatole misteriose, The Gin Way è la nuova formula che fa al caso vostro. Una mystery box, un modo intrigante per bere il gin con uno stile tutto nuovo. Può diventare il mezzo di collegamento tra il lavoro di tanti produttori eccellenti (in Italia esistono oltre 500 etichette di gin) e un consumatore desideroso di provare qualcosa di inaspettato. The Gin Way è l’idea che da tempo ronzava in testa ad Alessio Maccione, che ha poi coinvolto gli amici di una vita, Cesare Zavattaro e Sabrina Sinigaglia.

Ogni mese questi esperti del settore selezionano un gin premium italiano, da abbinare alla giusta tonica e a garnish, decorazioni, snack e gadget. Un nuovo concetto di home bar che stimola l’appassionato a preparare i drink a casa e collezionare dei gin fatti artigianalmente, da fa conoscere e degustare agli amici.

Come funziona

Si ordina online sul sito e solo all’arrivo a casa della scatola scoprirete cosa c’è al suo interno. Si possono fare abbonamenti mensili, bimestrali o trimestrali, a partire da 49 euro e con spese di spedizione gratuite. Il contenuto della box cambia di mese in mese.

La prima box con cocktail Aperipiero

Nella prima, gli appassionati hanno trovato una bottiglia di Ginpiero Dry Gin, 4 Acqua Brillante Recoaro, Papatas Nana, Garnish arancia, Garnish zenzero, un cavatappi in metallo, gel disinfettanti al ginepro e delle cartoline con le ricette. Pronti per fare questo cocktai? L’ingrediente principe è il Ginpiero, un London Dry che arriva dall’Abruzzo, dalla Distilleria Enrico Toro. Nel frattempo, ecco la ricetta dell’Aperipiero. Vi servono 4 cl di Ginpiero Dry Gyn, 2.5 cl di vermouth rosso, 2.5 cl di Rabarbaro Zucca e una scorza d’arancia. Si tratta di una rivisitazione dell’intramontabile Negroni, un cocktail che valorizza a pieno le caratteristiche di Ginpiero Dry Gin.

I Video di Agrodolce: Patate riso e cozze