Home Cibo Mangiato da noi: Incontri Mulino Bianco spalmabili alla frutta

Mangiato da noi: Incontri Mulino Bianco spalmabili alla frutta

di Chiara Patrizia De Francisci

Abbiamo assaggiato le nuove spalmabili alla frutta di Mulino Bianco, Incontri, disponibili al momento in tre versioni.

Negli ultimi anni c’è stata una lotta a colpi di creme spalmabili. Le ricerche di mercato hanno anche confermato che gli italiani – durante il lockdown soprattutto – si sono adagiati nel comfort di quei dolci vasetti. E se ora è disponibile qualsiasi snack al cioccolato in formato spalmabile, alcuni hanno voglia di qualcosa di più naturale e sano. Case in point: le confetture. Un colosso come Mulino Bianco non poteva essere da meno, quindi ha dato vita a Incontri, spalmabili a base di frutta. Li ho provati per voi.

La gamma al momento prevede tre varianti di Incontri: Fragole, pere e granella di cacao; Albicocche, fichi e mandorle; Mirtilli, lamponi e scorza di limone. Do un’occhiata agli ingredienti: non c’è traccia di conservanti e le percentuali di frutta mi sembrano buone. Il secondo ingrediente per quantità è lo zucchero, ma è la prassi quando si tratta di marmellate, confetture o spalmabili alla frutta che dir si voglia.

Vista

Partiamo dal packaging. Se c’è addirittura un modo di dire legato al Mulino Bianco – solitamente usato per indicare qualcosa di perfetto, con un accento un po’ rustico e campagnolo ma elegante  – ci sarà un motivo. Le confezioni mi piacciono molto. Sembrano minute (non lo sono invece nel contenuto), dal gusto un po’ vintage ma non artificioso. I vasetti che troveresti in un agriturismo shabby chic.

I coperchi svelano 3 confetture molto diverse tra loro. In quella fragole, pere e cacao si notano i pezzetti di fragola e pera, con qualche tocco di granella qua e là. La variante alle albicocche e fichi ha una trama più liscia, quasi come la polpa di un caco inframmezzata da mandorle. La scurissima spalmabile ai mirtilli e lamponi lascia intravedere mirtilli interi.

Olfatto

Per tutte e tre le versioni il profumo di frutta è (ovviamente) il più evidente, seguito da lievi sentori di miele, di caramello (soprattutto per le albicocche). Per Incontri mirtilli e lamponi si aggiunge la sferzata dell’aroma di scorza di limone.

Gusto

Parto dal dire che – senza molte sorprese, almeno per me stessa – la mia preferita è quella alle fragole e pere. È equilibrata, i frutti si armonizzano e la granella di cacao arricchisce la consistenza della spalmabile stessa, che diventa quasi un dolce a sé.

La variante alle albicocche con fichi e mandorle richiama alla mente una classica confettura di albicocche ma con sfumature mielate (i fichi), più complessa e sfaccettata rispetto alla confettura al neon che si trova in certi croissant. Incontri di mirtilli, lamponi e scorza di limone ha un sapore vivace, brillante. La marcia in più è sicuramente il limone che illumina il gusto. I mirtilli interi sono piacevoli al palato. Il lampone è più una sfumatura dolce che un sapore distinto.

Conclusioni

Le comprerei? . Specialmente se dovessi essere improvvisamente stufa delle marmellate e confetture mono-gusto. Mi sembrano adatte anche a diventare parte di dessert più complessi – il topping di una cheesecake o di una mousse alla ricotta, il ripieno di una torta al cioccolato – oltre che a essere spalmate sulle fette biscottate.