Dieta chetogenica per principianti: consigli utili

19 Agosto 2020

La dieta chetogenica è un regime alimentare basato su un ridotto apporto di carboidrati, un elevato apporto di proteine e un normale o elevato apporto di lipidi. Quando si segue una dieta chetogenica, il corpo entra in uno stato metabolico di chetosi per cui la fonte da cui reperire energia rapidamente è drasticamente ridotta. Il corpo deve quindi cercare altri fonti di energia e inizia a bruciare più grassi e a produrre più alte quantità di corpo chetonici (piccole molecole che forniscono energia).

Il meccanismo d’azione grazie al quale la dieta chetogenica permette una rapida perdita di peso è basato principalmente sul fatto di ridurre al minimo l’assunzione di carboidrati: questo porta, entro 2 giorni dall’inizio della dieta, all’esaurirsi delle riserve di glucosio (che nell’organismo è staccato sotto forma di glicogeno) e alla formazione dei corpi chetonici. Questo determina una rapida perdita di peso, soprattutto in persone obese. Non esiste un modello unico della dieta chetogenica, ma è più che altro uno schema che segue determinate caratteristiche: si tratta di diete ipocaloriche, a basso contenuto di carboidrati e ad alto contenuto proteico. Ecco allora alcuni consigli utili da tenere a mente prima di iniziare un percorso dietetico di questo tipo.

  1. Il primo step è capire quali alimenti mangiare e quali eliminare. Si possono consumare la carne, il pesce, le uova, i formaggi, la verdura e l’olio come condimento. Da evitare invece i cereali, le patate, i legumi, la frutta, le bevande alcoliche, le bibite zuccherate e i dolciumi vari.
  2. Fate il test dell’urina per identificare lo stato di chetosi: per farlo esistono delle apposite strisce per la misurazione della chetonuria.
  3. Valutate la presenza di alcuni sintomi caratteristici, che non richiedono nessun test: bocca asciutta e sensazione di sete; aumento della diuresi; alito o sudore acetonico (per la presenza di acetone, uno dei corpi chetonici); riduzione dell’appetito; spossatezza.
  4. Non dimenticate di consumare le verdure a ogni pasto (quelle povere di amido), che non devono mancare in quanto forniscono al corpo vitamine, minerali, fibre e antiossidanti. Le verdure ricche di amido come carote, barbabietole e zucca invece sono da evitare poiché non favoriscono lo stato di chetosi.
  5. Prediligete i grassi buoni: quando si parla di grassi nella dieta chetogenica si intendono quelli buoni, contenuti nell’olio di oliva, l’olio di cocco, uova, carne possibilmente grass fed (cioè di animali nutriti a erba), avocado, frutta secca e pesce grasso.
  6. Informatevi sui possibili effetti indesiderati della chetogenica e, prima di iniziare questo regime dietetico, rivolgersi a uno specialista.

I Video di Agrodolce: Pastella per friggere