Non buttare il pane raffermo e usalo per questi 8 dessert

28 Settembre 2020

In tempi di lotta allo spreco alimentare, è fondamentale il riutilizzo di alimenti come il pane per la realizzazione di nuove ricette: una scelta etica che ha una valenza anche economica. Così il classico avanzo di filone o la rosetta indurita hanno tutto un altro sapore. Il tozzo di pane rimasto in dispensa non è utile solo per fare i canederli e le polpette, non è vero che la morte sua è solo nella ribollita. Il pane secco si presta a un riciclo creativo e raffinato pure nei dolci: dal tiramisù al french toast, dalla torta paesana al crumble di mele. Basta cercare in frigo per un dolce last minute.

  1. Pain perdu. Arriva dalla Francia la ricetta del pain perdu, letteralmente pane perso. Prevede l’utilizzo di pane raffermo passato nel latte e nelle uova e poi cotto nel burro a fiamma viva con l’aggiunta di zucchero e un pizzico di cannella. Si consiglia di servire con marmellata di lamponi.
  2. Tiramisù. Uno dei dolci al cucchiaio più amati di sempre, facile da preparare e ricco di gusto. La ricetta originaria consiglia savoiardi o pavesini ma anche il pane raffermo, bagnato nel caffè, può essere utilizzato.
  3. French toast. Il re di ogni brunch che si rispetti, eppure ha origini popolari. Si prepara di solito con il pane in cassetta, ma anche quello raffermo se tagliato a fette si presta all’uso. Le fette passate in una sorta di pastella con latte, farina setacciata, uova, cannella, vaniglia, zucchero e un pizzico di sale vengono poi cotte nel burro e guarnite con zucchero a velo, sciroppo d’acero o gelato.
  4. Torta di pane rustica. Un dolce tipico della cucina italiana. Si realizza con il pane raffermo: insomma una perfetta ricetta di riciclo da preparare con gli ingredienti in dispensa (uova, burro, farina, frutta secca). Il pane può essere bagnato con il latte o con l’acqua.
  5. Torta paesana. La torta paesana è di origini brianzole e si prepara come suggerisce il nome in dialetto michelacc con mica e lac (pane e latte). Di solito si aggiungono cioccolato o cacao, pinoli e amaretti.
  6. Torta di pane, pere e pesche. Un dolce contadino da realizzare secondo la classica ricetta di riciclo con la mollica di pane. La frutta di stagione (si possono usare pere, pesche, mele, fragole, albicocche, prugne) dà il tocco in più a questo dolce, preparato con un cucchiaio di olio. Niente burro, quindi, per una maggiore leggerezza.
  7. Bread and butter pudding. Un dolce tipico del Regno Unito, dalle antiche origini. La preparazione è un gioco da ragazzi: si imburrano le fette di pane, si mettono in una teglia, si cospargono con uva sultanina e cannella in polvere e si coprono con altre fette di pane. A parte si scalda il latte con un pizzico di vaniglia e si mischia alle uova sbattute a parte con lo zucchero. Il tutto va versato sulle fette di pane e cotto in forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti.
  8. Budin de pain. Arriva dall’Argentina questo dessert realizzato con il pane avanzato. Il budin de pain si prepara con latte, uova, zucchero. Per aromatizzare il dolce si possono usare le bucce di agrumi (limone, arancia) o vari tipi di spezie (vaniglia, cannella e noce moscata). A piacere si possono aggiungere canditi e cioccolato fondente. Il budino va servito freddo ricoperto di caramello o con una pallina di gelato.

 

I Video di Agrodolce: Nachos filanti