Mangiato da noi: i piatti di EarthMeals

21 Ottobre 2020

Può un’alimentazione plant-based essere gustosa e saporita, donando al tempo stesso benessere anche interiore? Con una buona dose di curiosità e un pizzico di perplessità, tutti piatti rigorosamente a base vegetale, senza ogm e con prodotti freschi ho accettato la prova in anteprima dei piatti di EarthMeals. Si tratta del primo brand al mondo a basare la sua proposta su nutrizione, mindfulness e consapevolezza. Insomma i piatti che propone, tutti rigorosamente a base vegetale, sono realizzati con prodotti freschi, ingredienti bilanciati e Ogm free ma non si limitano a garantire una sana alimentazione e ad aiutare chi vuole mettersi a dieta, hanno un effetto anche sul benessere globale di chi li mangia. L’idea di Stefano Bertoli, l’imprenditore che vuole aiutare le persone a riprendere il controllo della propria vita a cominciare dalla gestione quotidiana del cibo, mi ha incuriosito e stimolato.

Ho fatto un ordine di prova sul sito e pochi giorni dopo ho ricevuto a casa un pacco con alcuni piatti unici da provare. Ancora prima di mettermi ai fornelli ho notato con piacere che gli ingredienti sono per lo più di origine italiana e quando possibile a km0. Non c’è traccia di colorati e conservanti. Si privilegia la cottura a vapore o a bassa temperatura: una volta cotti i piatti sono abbattuti e riposti in frigo. Arrivano a casa in vaschette monoporzione riciclabili al 100% e isolate termicamente. In questo modo mantengono una temperatura di refrigerazione sotto i 4°C fino a 48 ore e posso essere spediti agevolmente mantenendo tutte le loro caratteristiche. Tra i piatti a disposizione ho optato per un’insalata di pasta grano antico e broccoli (7,90 euro) e un’insalata di cous cous ai semi di lino (8,70 euro). Volevo vedere con la rigenerazione del piatto: pochi minuti in forno, in padella o nel microonde, come la pasta e il cous cous avrebbero risposto e il risultato finale ha superato le mie aspettative.

OLFATTO

All’apertura della confezione sono rimasta subito colpita dal profumo di verdure: in alcuni più delicato, in altri più intenso. La cosa che mi ha stupito è che di ognuno si sente l’aroma. Durante la cottura i profumi si sono fatti più intensi e ben riconoscibili.

VISTA

La prima cosa che mi ho notato prima ancora della cottura, sono i colori vivaci e brillanti dei vegetali. Difficilmente cucinando da sola a casa riesco a mantenere questi colori durante la fase di cottura. È vero che sono stati cucinati a vapore o a bassa temperatura, ma una tavolozza di colori così richiede abilità e non capita spesso di trovarla in tavola. Spulciando l’etichetta mi è stato agli occhi che nel piatto ci sono solo le materie prime e le spezie. Sono presenti tracce di soia e glutine, sedano e senape.

GUSTO

Il sapore c’è. Pur essendo piatti a base di prodotti vegetali, il gusto non si perde, al contrario la cottura esalta le caratteristiche di ogni singolo ortaggio legume o cereale. Per me che non sempre mangio volentieri le verdure, è una piacevole sorpresa scoprire che è possibile alzarsi da tavola più che soddisfatti anche con un’insalata di fagioli, orzo e macedonia di verdure. È proprio vero che quello che mangiamo può influire anche sul nostro stato d’animo.

CONCLUSIONI

Rifarei l’esperienza Earthmeals? . Per chi è già abituato a un’alimentazione sana e bilanciata, è di sicuro una piacevole conferma. Io che non ho l’abitudine di cucinare in casa un menu tutto a base vegetale la trovo una bella comodità e il rapporto qualità/prezzo è nel complesso nella media, soprattutto per chi è abituato alla pausa pranzo al bar. Personalmente un’esperienza da rifare, magari per brevi periodi o ciclicamente per mangiare leggero, sentirmi meglio e tornare in forma. Non so se riuscirei ad adottare sempre un regime di questo tipo. Da sottolineare che Earthmeals offre un servizio su misura, prima di ordinare si può fare un test nutrizionale gratuito per conoscere gli alimenti più adatti al proprio organismo. I piatti, una volta pronti, sono  consegnati a casa, in ufficio o in uno dei punti di ritiro sul territorio.

I Video di Agrodolce: Gnocchi al ragù di zampone