I trucchi per usare al meglio la tua air fryer o friggitrice ad aria

22 Ottobre 2020

Fritto è sinonimo di unto, di olio bollente che sfrigola, di carta assorbente sui cui adagiare crocchette e patatine. In realtà, però, niente è come sembra, neanche quando si tratta di frittura. l'air fryer usa come vettore di calore l'aria scaldata e fatta circolare a velocità elevata Il caratteristico effetto croccante che diventa elemento indissolubile del sapore stesso, si deve solo ed esclusivamente alle altissime temperature di cottura. L’olio, in altre parole, è un mero vettore di calore, che non sortirebbe alcun effetto godereccio se non fosse portato al fatidico punto di fumo. Questo per dire che l’invenzione della friggitrice ad aria (o air fryer) recupera il concetto base della frittura e lo fa eliminando la componente grassa lasciando agire solo quella delle alte temperature. In questo caso, infatti, il vettore di calore è la semplice aria che una volta scaldata e fatta circolare a velocità molto elevate diffonde uniformemente il calore innescando lo stesso identico effetto della frittura con olio. In pratica, una volta raggiunti i 200 °C, l’aria circonda completamente i cibi contenuti nel cestello rendendoli croccanti fuori ma morbidi all’interno. Ma vediamo più nello specifico di cosa si tratta, quali sono le caratteristiche che deve possedere un’ottima friggitrice ad aria e i trucchetti da seguire per ottenere dei risultati sorprendenti.

  1. Come scegliere una friggitrice ad aria. Le friggitrici ad aria non sono tutte uguali e la loro apparente semplicità di funzionamento potrebbe trarre in inganno sui parametri da valutare al momento dell’acquisto. Innanzitutto, è fondamentale scegliere un modello che raggiunga almeno la temperatura di 200 °C e che abbia un cestello dalla capacità elevata in modo da sistemare gli alimenti alla giusta distanza tra loro. Altro requisito da valutare è la possibilità di regolare la temperatura in modo da ottenere un diverso di grado di croccantezza a seconda dell’ingrediente che si sta per cuocere. Così come per il forno, anche la friggitrice ad aria dovrà essere preriscaldata, quindi, optate per un modello che impieghi poco tempo – al massimo 3 minuti – per raggiungere la temperatura impostata. Ultimo elemento da considerare – ma non per questo meno importante – è la dotazione di un timer che vi avvisi quando la cottura è giunta al termine.
  2. Preriscaldare è fondamentale. Per prima cosa, ricordatevi sempre di preriscaldare la vostra friggitrice ad aria (anche se la ricetta non lo richiede) in modo da assicurare una cottura il più possibile uniforme.
  3. Un filo d’olio aiuta. Altro consiglio per evitare di bruciare gli ingredienti dalla consistenza più morbida e delicata è quello di ungere con un filo d’olio la superficie del cestello o, in alternativa, spruzzarlo a metà cottura così da ottenere un risultato ancora più croccante. Potrete evitare questo passaggio solo nel caso in cui utilizziate alimenti grassi come della carne rossa.
  4. Non riempite troppo il cestello. Una cottura perfetta, uniforme e croccante al punto giusto la si potrà ottenere solo facendo attenzione a non sovraccaricare il cestello della friggitrice: disponete quindi gli ingredienti a sufficiente distanza tra loro in modo da farli aderire perfettamente alla base della griglia. Nel caso, invece, dobbiate friggere cibi di piccole dimensioni – come patatine fritte o ali di pollo – il trucchetto è quello di scuotere di tanto in tanto il cestello in modo da diffondere uniformemente il calore. Non spaventatevi se notate del fumo bianco uscire dalla vostra friggitrice: per ridurne l’intensità basterà semplicemente versare due cucchiai di acqua nel cestello o, in alternativa, posizionare una fettina di pane sul fondo per assorbire il grasso in eccesso prodotto dagli alimenti.
  5. Esistono ingredienti più adatti di altri per l’air fryer. Oltre ai classici della frittura, come patatine fritte, crocchette e cotolette, la friggitrice ad aria consente di realizzare cotture perfette anche a partire da altri ingredienti che hanno semplicemente bisogno di essere scaldati o grigliati. Questo perché, a seconda della temperatura che avrete impostato, la friggitrice può fare tranquillamente le veci di un forno elettrico o a microonde con il vantaggio di non seccare i cibi, mantenendoli belli morbidi e umidi all’interno. Tuttavia, non tutti gli alimenti possono essere trattati con la friggitrice ad aria: le verdure, per esempio, richiedono qualche accortezza in più. Meglio evitare di tagliarle troppo finemente così da evitare che a contatto con il flusso d’aria si disperdano all’interno del cestello. Attenzione, inoltre, ai cibi coperti da pastella che potrebbe colare sul fondo attaccandosi alla griglia, come anche al formaggio che tenderà irrimediabilmente a sciogliersi. Meglio prediligere cibi impanati, verdure piuttosto spesse, carne e pesci crudi di medie dimensioni.

I Video di Agrodolce: 3 locali a Roma (e dintorni) per un’occasione speciale