Ippudo lancia le patatine al tonkotsu ramen

23 Ottobre 2020

Le vie del ramen stanno diventando infinite, non c’è che dire. Così, dopo quello ai grilli ideato dal giovane giapponese Yuta Shinohara, ecco arrivare un’altra novità originale quanto inaspettata: le patatine al ramen.  Anche questa creazione, manco a dirlo, è made in Japan.

Una nuova specialità per il 35esimo anniversario

Fukuoka è una città giapponese famosa proprio per il ramen e in particolare per la variante preparata con il tonkotsu, un brodo a base di ossa di maiale, le patatine avranno il sapore del ricco brodo di maiale tonkotsu cotto per diverse ore e piuttosto denso, arricchito da altri ingredienti quali aglio, scalogno e carne di maiale. Il tocco finale, generalmente, consiste nell’aggiunta di arrosto di maiale, funghi kikurage e uova marinate. Ippudo, catena di ristoranti diffusa capillarmente in tutto il Giappone e presente anche in diverse parti del mondo (a New York, ad esempio), per festeggiare il suo 35esimo anniversario ha lanciato le Ippudo Shiromaru Motoaji Potato Chips. Patatine che hanno il sapore e l’aroma, appunto, del brodo tonkotsu. Lo snack è stato messo a punto in collaborazione con Yamayoshi Seika, storico marchio operante invece nel settore dei prodotti da forno secchi (compresi salatini e cracker)

Quanto costano e dove trovarle

La confezione (da 48 grammi) è eloquente: su uno sfondo bianco campeggia l’immagine di un abbondante ciotola di ramen e, sotto, ci sono due patatine poggiate l’una sull’altra. Il logo di Ippudo è al centro del sacchetto, quello di Yamayoshi si trova in alto a sinistra. Le inedite patatine hanno fatto la loro comparsa qualche giorno fa sugli scaffali di molti supermercati e minimarket giapponesi al prezzo di 140 Yen, cioè all’incirca 1,14 euro. Chi le ha già provate si è espresso in modo piuttosto positivo; pare che il sapore del brodo di maiale si avverta in modo intenso e che la nota di zenzero sia un plus gradevole. Ippudo mira a varcare, anche in questo caso, i confini della madre patria. C’è da aspettare qualche mese prima di stabilire se l’impresa sia fattibile o meno. In caso di via libera, sarà molto più facile reperire lo snack.

I Video di Agrodolce: Frittelle di patate