10 ricette dolci che puoi fare anche salate, dalla cheesecake ai bignè

20 Novembre 2020

Esistono ricette che siamo abituati a pensare immediatamente nella loro dolcezza. Che dire della crostata? O della cheesecake. O, ancora, di biscotti e tiramisù. Eppure, tutte queste preparazioni si possono declinare anche in versione salata, con un tocco di novità a tavola e senza che i puristi storcano il naso.

  1. Danubio. Brioche lievitata e soffice, formata da tante piccole palline farcite di marmellata o crema di nocciole, il Danubio è forse il prodotto più famoso nella versione salata, tipica napoletana, da presentare come antipasto o rustico. Il dolce e salato dell’assaggio lo rendono irresistibile. La ricetta è identica nella preparazione, ciò che cambia è solo la farcitura.
  2. Crostata. Si parte da una frolla friabile, preparata con farina, vino bianco e olio extravergine di oliva. Poi si può farcire come più piace. Noi, per esempio, l’avevamo riempita di zucchine stufate, ricotta, olive taggiasche, parmigiano, uovo e spezie. Qualsiasi accostamento va bene. Attenzione, però, all’umidità del tutto, tenetela sotto controllo in cottura.
  3. Cheesecake. Invece dei biscotti tipo digestive, per la base croccante della cheesecake salata si possono usare cracker, grissini o fette biscottate. Il procedimento, poi, è praticamente lo stesso: la base va legata con il burro fuso, lasciata riposare. La farcia, a sua volta, si può preparare con gli stessi formaggi – spalmabile, mascarpone, ricotta – conditi come più si preferisce. È ottima la cheesecake al pesto e pomodori, buonissima anche quella con i fiori di zucca, da copiare quella con il salmone affumicato.
  4. Tarte tatin. La francesissima torta capovolta, solitamente confezionata a partire dalle mele, può essere tranquillamente d’ispirazione per una versione con i pomodorini, ma anche con le cipolle caramellate o con le patate. O con tutti questi ingredienti insieme. Ciò che importa è avere a disposizione una perfetta pasta brisée, che deve essere preparata ad arte.
  5. Bread & butter pudding. Ricetta tipica irlandese e del Regno Unito, piatto povero di fette di pane imburrate con uva sultanina e cannella in polvere, il budino di pane e burro è facilissimo da replicare in versione salata. Le fette di pane imburrate, infatti, si prestano a tantissimi tipi di condimento, dalla simil lasagna agli “gnocchi” alla sorrentina, alle cime di rapa. Basta scatenare la fantasia.
  6. Waffle & pancakes. Ideali per il brunch, un pranzo veloce, un panino all’ultimo minuto, i waffle salati si preparano in pochissimo tempo: uova, farina, olio, latte, con parmigiano grattugiato ed erbe aromatiche a gusto, l’impasto si cuoce nella classica piastra elettrica. Oppure, esattamente nello stesso modo, come dei pancake salati, da farcire con affettati, formaggi e verdure.
  7. Bignè. Invenzione di un pasticcere italiano del 1500, i bignè, anche salati, sono perfetti in apertura di una cena importante come antipasti finger food. Per prepararli in versione salata bastano gli stessi strumenti – pentolino, cucchiaio di legno, sac à poche –  mentre per farcirli è preferibile una spuma o una mousse, come quella di prosciutto e robiola, ma anche mortadella e crescenza o pesto e formaggio spalmabile.
  8. Tiramisù. Al posto dei savoiardi il pane casareccio, niente uova, ma il mascarpone rimane. Una volta sformato il tiramisù salato somiglia a una lasagna, piuttosto, ma con la compattezza del dolce più celebre al mondo. La proposta che vi facciamo è con gli spinaci.
  9. Biscotti. Senza scomodare quelli storici di Roccalbegna, con olio, semi di anice, vino bianco e sale e da preparare rigorosamente per occasioni speciali, i biscotti salati si possono preparare in casa partendo da una pasta briséè (o frolla) e arricchendola con formaggi stagionati grattugiati, pecorino, parmigiano. Che può essere variata utilizzando farine diverse – ceci, lenticchie – e arricchendo l’impasto con frutta secca tritata o salumi sbriciolati.
  10. Zabaione. Salsa perfetta come letto per accompagnare diversi piatti di carne, ma anche come condimento di paste e verdure cotte, lo zabaione salato è la versione da pasto del suo omologo dolce, che di solito invece ne decreta la fine. Per prepararlo bisogna mettere i tuorli in un pentolino, sbatterli energicamente, aggiungervi il burro sciolto e, una volta incorporato nelle uova, aggiungere sale, pepe e un pizzico di noce moscata. Il tocco in più, volendo, è di aggiungere un po’ di parmigiano grattugiato quando il pentolino è ancora sul fuoco, per farlo sciogliere bene.

 

I Video di Agrodolce: Crema diplomatica