Tutto ciò che non sai sul latte di capra

29 Novembre 2020

Negli ultimi anni il consumo di latte di capra si è diffuso come alternativa al latte vaccino. È particolarmente adatto per chi ha problemi di digeribilità. Inoltre, è percepito come un prodotto amico dell’ambiente perché gli allevamenti di capre occupano meno spazio e utilizzano meno risorse. Digeribilità, sostenibilità e gusto: preparatevi a non poter più fare a meno del latte di capra.

Proprietà e benefici

Dal punto di vista nutrizionale e calorico, il latte di capra è molto simile a quello vaccino. Ma, rispetto a quest’ultimo, presenta delle differenze di tipo qualitativo. Come spiega il team qualità di Girau, produttore di latte di capra sardo, «i globuli di grasso in esso contenuti hanno dimensioni inferiori rispetto a quelli del latte vaccino. Anche la natura degli acidi grassi è differente, in quanto risulta più ricco di acidi grassi a catena medio-corta. Questi due aspetti sono oggetto di studio al fine di comprendere se esista una reale correlazione con la maggiore digeribilità riscontrata». Il fatto che i globuli di grasso siano più piccoli permetterebbe infatti una maggiore superficie di esposizione agli enzimi digestivi, da cui deriverebbe una maggiore digeribilità.

Effetti collaterali e dosi

Le controindicazioni sono le stesse che vengono denunciate per il latte vaccino. I soggetti intolleranti al lattosio avranno gli stessi problemi assumendo anche il latte di capra. È bene fare attenzione ed evitare questo prodotto in caso di allergia alle proteine del latte. Quanto spesso bere il latte di capra? Nell’ottica di mantenere un’alimentazione varia, il latte di capra può essere consumato con la stessa frequenza di quello vaccino. «La scelta di un tipo di latte o di un altro è soggettiva ed è influenzata dal gusto personale e dalla eventuale maggiore digeribilità osservata», spiegano gli esperti.

Come usarle il latte di capra in cucina

La Torta di Mele con lo yogurt bianco di capra può trasformare questo grande classico in una sinfonia di gusto. È una ricetta che ognuno di noi conserva nella propria memoria e che si può preparare insieme ai più piccoli, come in un rituale attorno al quale la famiglia si unisce con grembiuli sporchi di farina e l’immancabile assaggio dell’impasto prima di infornare. Basterà sostituire lo yogurt vaccino con quello di capra. Il latte di capra è perfetto anche per preparare un porridge dal gusto più ricco, con un maggior apporto di proteine ed energia. Tra i food trend da tenere d’occhio, c’è quello del burro di capra, realizzato semplicemente con la crema di latte fresco di capra centrifugato. Ha proprietà nutrizionali uniche che ne fanno un alimento indicato per un’alimentazione sana ed equilibrata, inoltre si integra con moltissime preparazioni della tradizione, dando loro un twist di sapore.