Avanzi: cosa può mangiare il mio cane?

2 Dicembre 2020

Sempre la stessa scena: qualunque cosa tu metta in bocca, lui è lì che ti guarda con occhi imploranti. La tentazione di cedere e allungargli qualche boccone è forte, ma bisogna fare attenzione. I cani sono assai meno selettivi dei gatti, mangerebbero di tutto o quasi; molti dei cibi che consumiamo noi, tuttavia, per loro non vanno affatto bene. Alcuni, per esempio quelli ricchi di grassi, causano disturbi come vomito, mal di stomaco e attacchi di pancreatite; altri, come la cioccolata e l’uva passa, addirittura risultano tossici. Si consideri inoltre il concreto rischio che gli extra provenienti dalle nostre tavole si traducano in un surplus calorico e favoriscano quindi una condizione di sovrappeso. Alla luce di ciò, la domanda sorge spontanea: quali avanzi si possono dare ai nostri fedeli amici a quattro zampe? Scopriamolo subito.

  1. Verdure: piacciono molto ai cani e li aiutano a restare in salute, perché fonti di vitamine, sali minerali e fibre (preziose per una corretta attività intestinali). Via libera a carote, piselli, zucchine, fagiolini, finocchi, cetrioli ma anche verdure a foglia larga quali lattuga, bietole e spinaci. Crude o cotte, non fa differenza. No invece a pomodori verdi e pomodori acerbi. 
  2. Pesce: bianco o azzurro, può essere dato tranquillamente al cane. Anche perché contiene diverse sostanze benefiche, in primis gli omega-3. Mai crudo e mai fritto: è pericoloso. Si evitino anche pietanze ricche di condimenti e grassi vari e si ricordi che quello bianco è molto leggero e digeribile, mentre quello azzurro risulta più grasso e quindi le quantità devono essere inferiori. In ogni caso sarebbe opportuno non andare oltre le due volte a settimana. 
  3. Uova cotte: contengono vitamine e sali minerali e il nostro amico peloso le gradisce parecchio, quindi semaforo verde. Vietatissime, invece, le uova crude perché potrebbe contrarre la salmonella. 
  4. Formaggio: non c’è alcun problema con il formaggio, però il lattosio causa ad alcuni cani problemi di digestione e diarrea. Perciò bisogna concederne giusto qualche pezzetto, scegliendo fra i prodotti più leggeri come mozzarella, stracchino, robiola, crescenza, ricotta. Meglio evitare i formaggi stagionati, per la presenza di sale e grassi. 
  5. Frutta: mele, pere, pesche, meloni, angurie, ananas, persino arance. Sono tanti i frutti che i cani gradiscono e piccole dosi sono più che concesse, considerando che si tratta di alimenti super salutari. Si eviti però l’avocado perché contiene persina, sostanza nociva per loro. Attenzione ai semi e ai noccioli. Un rigoroso no alla frutta secca. 
  6. Carni bianche: pollo e tacchino, naturalmente, sono fra gli alimenti ideali per i cani. Ma bisogna cuocerli sempre e privarli delle ossa, anche quelle molto piccole, perché possono fare parecchi danni. Si elimini pure la pelle. 
  7. Carni rosse: anche in questo caso non ci sono controindicazioni, fatta eccezione per la carne di maiale cruda, che contiene microrganismi deleteri per i cani. Più in generale, è sempre meglio cuocere la carne, anche solo sbollentarla per qualche minuto. 
  8. Pane: il cane può mangiare il pane (alimento privo di grassi e zuccheri complessi) ma in piccole quantità, in quanto i carboidrati vanno a braccetto con il rischio di obesità. Si consiglia inoltre di dargli pezzi di pane raffermo e non di pane fresco; in quest’ultimo caso, infatti, il lievito tendenzialmente continua a fermentare nello stomaco provocando la formazione di gas intestinali e gonfiore. 
  9. Pasta: in linea di massima, la pasta si può dare al cane senza problemi. Alcune razze, però, non la tollerano bene; per esempio i labrador, i bassotti, i beagle, i carlini, i boxer. Inoltre non è il massimo per i cani piuttosto anziani e per quelli che non fanno molto movimento, perché i carboidrati minacciano di tradursi in chili di troppo. 
  10. Riso: è perfetto per i cani, anche per quelli che soffrono di intolleranze o hanno patologie renali. Dona loro energia ma al contempo è estremamente digeribile, contiene lisina (un amminoacido essenziale) e sali minerali, è privo di glutine nonché povero di sale.
  11. Patate: via libera anche in questo caso, tuttavia non bisogna esagerare ed è necessario che siano non solo perfettamente cotte ma anche sbucciate. 
I Video di Agrodolce: Polpette fritte di patate e tonno