Non il solito delivery: 9 realtà romane che vi stupiranno (a domicilio)

7 Dicembre 2020

Il momento storico impone inventiva, cambiamento e voglia di fare. Il reinventarsi, soprattutto per un ristorante non è facile. In un periodo in cui i rapporti interpersonali sono limitati, il mangiar fuori in compagnia è sempre più demonizzato. Ma i ristoratori e gli chef non si sono persi d’animo attivando dei servizi di delivery, a volte fuori dalle righe. A Roma sono in molti ad aver dato vita a progetti divertenti, interattivi e non fini a se stessi che fidelizzano ancor di più il cliente, in attesa di un nuovo inizio.

  1. Mandalà Pokè. William Dainese, Alessandro Pagnani, Marco Tullio Regolanti e Walter Regolanti hanno da poco lanciato Mandalà Pokè, una start up legata al mondo marino e alla ristorazione di pesce. Lo chef Walter Regolanti del ristorante Romolo al Porto di Anzio ha rivoluzionato l’idea del pokè, italianizzandolo con pesce e ingredienti italiani. Tra le proposte c’è la Evergreen a base di riso bianco, salmone, avocado, pomodori, pistacchi, salsa ponzu, sesamo nero e cornflakes. In ciascuna preparazione è possibile aggiungere pesce o avocado e, in base alla disponibilità, anche frutta di stagione. Oltre alle bowls del menu, il cliente è libero di comporre quella che preferisce, in formato normale o grande, selezionando i prodotti dall’elenco a partire da base, condimenti, elementi proteici, topping con le salse e la parte crunchy. E poi ancora troviamo le tartare. Due sono i punti vendita, in zona Ostiense e in zona Eur. Per gli ordini si può chiamare direttamente al negozio o usufruire dei servizi di Glovo, Just eat e Uber eats. 
  2. Roscioli Caffè. Roscioli Caffè, in zona Campo dei Fiori, incanta turisti e romani con le sue colazioni a base di maritozzi con la panna e caffè. In questo momento storico si è industriato per portare a casa delle persone i suoi prodotti, dalla mattina fino all’aperitivo serale. Tramite la piattaforma Cosaporto si possono ordinare cornetti, ciambelle e maritozzi per colazione. Per poi proseguire con maritozzi salati come quello con baccalà mantecato e confettura di lamponi, focacce e tramezzini. E ancora per la merenda mignon e torte da credenza. Succhi di frutta, birra ma anche drink conservati in busta sottovuoto completano l’offerta. 
  3. Pizzeria Magnifica. Da poco festeggiato il suo settimo anniversario, Pizzeria Magnifica ha lanciato un delivery in kit e plastic free. Maurizio Valentini ha selezionato dal menu 15 pizze adatte alla consegna e perfettamente in linea con la filosofia della pizza in kit. Dopo aver prenotato il proprio gusto entro le ore 18:30, dalle 19 alle 20:30 sono effettuate le consegne, nel raggio di 4 chilometri dal locale, direttamente dal personale di Magnifica. Ciascuna pizza è conservata nell’apposito cartone affiancata dalle istruzioni per l’uso. In queste si raccomanda di rigenerare la pizza in forno preriscaldato a 220° per 3 minuti e, pochi istanti prima di mangiarla, di condirla con tutti gli altri ingredienti da aggiungere a crudo che arriveranno in combo con la base bianca o rossa all’interno di una scatolina in polpa di cellulosa. Tra le proposte sicuramente emblematica è la pizza Tommasino composta da una base pomodoro e condita con mozzarella di bufala campana DOP sfilacciata, pomodorini semi-dried De Carlo ed emulsione al basilico.
  4. Beppe e i suoi Formaggi è la piccola bottega di Beppe Giovale, nel Ghetto di Roma, specializzata nella produzione e vendita di formaggi a latte crudo piemontesi ottenuti da latte di animali allevati esclusivamente allo stato brado nel rispetto dei principi della biodiversità. Oltre a loro, esposti al banco e sugli scaffali, ci sono formaggi francesi, salumi artigianali, grandi vini ed etichette naturali, distillati, pasta, conserve, cioccolate, olio d’oliva e dolci della tradizione artigianali. Il tutto si può acquistare in loco o online. Le spedizioni sono attive in tutta Italia.
  5. Antica Fonderia. A pochi metri da Campo de’ Fiori, Alba Esteve Ruiz e Michel Magoni sono a capo rispettivamente della cucina e della sala del ristorante Antica Fonderia che ha da poco cambiato gestione. Se durante il primo lockdown l’attività si è fermata, ora è più viva che mai con un’originalissima proposta di delivery in cui a regnare è la paella. Le origini spagnole della chef non mentono e si riflettono in questa preparazione eseguita a mestiere. Tre sono le versioni in cui è disponibile, di carne – la classica Valenciana, con pollo, coniglio, fagioli e peperoni -, pesce – l’arroz a banda con gamberi, scorfano, triglia, calamaro e seppia – o con secreto di maiale iberico e funghi di stagione. Consegnata direttamente dal personale del ristorante all’interno della paellera, che resta in omaggio, la ricetta potrà essere replicata nella cucina di casa grazie alle istruzioni fornite in allegato all’ordine. Per evitare di accumulare paellere a casa, la stessa deve essere riconsegnata e riciclata a ogni nuovo ordine con omaggi aggiuntivi. Il costo a persona oscilla tra i 16 e i 18 euro. Si consiglia un ordine minimo per due persone dalle 10.30 alle 21, con consegna gratuita dalle 18 alle 22. Oltre alla paella il delivery del ristorante si arricchisce di una serie di piatti più o meno elaborati: bao ripieno di pulled pork, carciofi alla brace, paté di fegatini, crema di ricotta e agrumi, primi da ultimare, alici del Mar Cantabrico Don Bocarte, Jamon de Bellota Admiracion Blasquez 36 mesi. Oltretutto, per un ordine minimo di 50 euro, arrivano a casa anche i muffin per la colazione.
  6. Molto. Nel quartiere Parioli, da 14 anni, il ristorante Molto si distingue per l’estrema italianità e qualità dei suoi piatti. Recentemente ha lanciato il progetto Molto a casa tua che porta l’esperienza di Molto a casa delle persone. Per cui è possibile organizzare un pranzo o una cena in casa ordinando non solo i piatti dal menu, ma anche i setting per la tavola, le decorazioni floreali e il personale di servizio. E poi ancora è possibile acquistare vino o singoli prodotti. E ancora per chi desiderasse cucinare, sono stati pensati dei kit di ingredienti da assemblare seguendo le video ricette di Molto , pubblicate settimanalmente su social. Tra i piatti icona del ristorante da ordinare ci sono i gamberi croccanti con maionese agli agrumi ed il girarrosto con il pollo nero di Borgogna.  E poi ancora, in una speciale sezione denominata benessere, figurano piatti a basso contenuto calorico preparati sempre dallo chef Paolo Castrignano.
  7. Treefolk’s Public House. Una delle più recenti aperture, Treefolk’s Public House a Trastevere, in concomitanza con il servizio al ristorante, ha lanciato un delivery creativo di cibo, birra e cocktail. Da una parte c’è lo chef Valerio Mattaccini che ha elaborato proposte tanto raffinate quanto da pub. Dall’altra, dietro il bancone, sono spillate e confezionate birre in lattina e cocktail da portar via. Nel menu da ordinare a casa c’è la crocchetta di pulled pork con cremoso al parmigiano e il suo ristretto, i maritozzi salati ripieni e poi burger con patate e dall’altra parte, in veste più gourmet, tartare di fassona, risotto, guanciola e galletto, tutti da ultimare a casa. Accanto al food c’è il beverage: il Negroyster a base di Johnnie walker black label, specialty coffee e Porter è il riassunto perfetto della filosofia del locale, ed è anche disponibile in versione delivery. Oltre a lui c’è lo scotch, numerosi varianti di gin tonic e signature cocktail.
  8. Luppolo Station è un pub che seleziona attentamente ogni birra, vino naturale ed ingrediente che offre. Il focus della sua attività sono le birre artigianali disponibili anche in delivery. Sono infatti acquistabili i growlers spillati direttamente dalle proprie spine, bottiglie, lattine e piatti con un servizio di consegna a domicilio curato direttamente dal ristorante o tramite la piattaforma JustEat.
  9. Casa Manfredi. In viale Aventino, Casa Manfredi, laboratorio artigianale di pasticceria con alta caffetteria, sta riscuotendo grande successo nella Capitale. Sullo shop online è possibile ordinare e farsi portare a casa un’ampia varietà di prodotti: si inizia dalla colazione con cornetto italiano e croissant francese e altri prodotti a base di burrosa sfoglia, per proseguire con la pasticceria mignon tra bignè, tiramisù, tarte au citron ed altre piccole creazioni moderne e infine ci sono le torte su misura, decise dal cliente e composte dalla pasticceria. Una particolarità del delivery di Casa Manfredi è che il gusto e la struttura della torta la decide il cliente. Sul sito si seleziona il tipo di base, inserto, mousse e glassa preferita tra molteplici opzioni: c’è la finanziera alla mandorla ed il biscuit al cacao senza glutine come base, per proseguire con inserti di suprema al cioccolato al latte, lemon curd o composta al lampone e poi mousse al cioccolato fondente o mascarpone. Nel periodo natalizio il carrello si arricchisce di panettoni e pandoro. Necessario effettuare l’ordine entro le 18 del giorno precedente.
I Video di Agrodolce: Cappone di Montoro