Home Mangiare Street Food Bar Negli USA i cocktail hanno la forma di Baby Yoda

Negli USA i cocktail hanno la forma di Baby Yoda

di Nadine Solano

Negli Stati Uniti una nuova tendenza sta spopolando tra i mixologist: i cocktail che riprendono le sembianze di Baby Yoda.

Ha la pelle color pistacchio, le orecchie lunghe, il naso minuscolo e due occhioni che fanno sciogliere il cuore. È assai piccolo di statura, se ne va in giro infagottato in un cappotto che gli copre i piedi; una nuova tendenza legata ai cocktail dalle sembianze di baby yoda pare sia parecchio avanti negli anni e invece no, è solo un bambino. Sicuramente avete capito, che siate fan di Star Wars o meno: ci riferiamo a Baby Yoda. In tanti sono pazzi di lui, i meme che lo vedono protagonista rimbalzano da un angolo all’altro del globo, per molti versi possiamo considerarlo una star. E qui vogliamo focalizzarci su una nuova tendenza che si sta facendo largo negli States e ci è stata suggerita da Eleonora Cozzella: i Baby Yoda Cocktail. Che hanno le sembianze del dolce mostriciattolo e stanno diventando oggetto di una gara a colpi di creatività fra i bartender, molto probabilmente destinata ad ampliarsi nel giro di poco tempo. Quali sono finora le migliori trovate? Ve le presentiamo.

  1. Baby Yoda Margarita. Johnna Rose, ideatrice del blog In Johnna’s Kitchen, ha creato il Baby Yoda Margarita, una variante del celebre cocktail messicano, resa cremosa (e verde) dall’aggiunta di avocado. Gli ingredienti, per l’esattezza, sono: 60 ml di tequila, 60 ml di triple sec, 40 ml di succo di lime, 1/3 di avocado, 1 tazza di ghiaccio, 2 ciliegie al maraschino, 2 spicchi sottili di lime. Semplicemente, si versa il ghiaccio in uno shaker, si aggiungono tutti gli ingredienti, si richiude e si agita per qualche secondo. Le ciliegie al maraschino (scolate alla perfezione) sono gli occhi di Baby Yoda, gli spicchi di lime (posizionati orizzontalmente) le orecchie. Il tocco in più? La veste, ovvero un tovagliolo di carta che avvolge lo stelo del bicchiere coupé ed è tenuto fermo da uno spago.
  2. La proposta di Skyy John. Anche il vulcanico Skyy John, creatore e host del grande raduno social Tipsy Bartender’s (oltre 30 milioni di follower su Facebook e circa 5 milioni su Instagram), ha messo a punto il suo cocktail dedicato a Baby Yoda. Questi gli ingredienti: 30 ml di rum bianco, 15 ml di rum speziato, 15 ml di liquore al melone, 90 ml di succo d’ananas, una spruzzata di Blue Curacao e una di rum scuro. Anche in questo caso, basta shakerare il tutto. Fatta eccezione per il rum scuro, che va aggiunto alla fine.  Si trasferisce il cocktail in un bicchiere, si aggiungono due chicchi di uva per ottenere gli occhi del mostrino e due fettine di limone che fungano da orecchie. Infine ci si dedica alla veste, come sopra.
  3. Matcha-Lorian Baby Yoda Cocktail. Concludiamo con la proposta del team di Keg Works, e-commerce specializzato nella vendita di tools for drinking, strumenti per bere. Si tratta del Matcha-Lorian Baby Yoda Cocktail e, come si può intuire subito dal nome, l’ingrediente caratterizzante, che dona anche il necessario colore verde, è il tè matcha in polvere (la dose equivale a un bar spoon). Gli altri sono: 22,5 ml di sciroppo di zenzero, 5 fette di cetriolo, 22,5 ml di succo di limone, 45 ml di gin. Si comincia versando nello shacker lo sciroppo, poi si uniscono le fettine di cetriolo e si mescola con cura. Quindi si aggiungono gli altri ingredienti e una generosa quantità di cubetti di ghiaccio, si richiude il contenitore e si agita per una ventina di secondi. Infine si versa il cocktail in un bicchiere da margarita raffreddato. La guarnizione: bisogna infilzare due ciliegie al maraschino con uno stuzzicadenti, distanziarle e posare lo stesso stuzzicadenti sul bordo del bicchiere. Sono gli occhi. Le orecchie si creano invece con due fettine di cetriolo. La veste può essere realizzata, come al solito, con un tovagliolo di carta ma anche con una striscia ricavata da un vecchio maglione (o un altro indumento) di lana.