Questo Natale sostieni i piccoli produttori con i loro cesti natalizi

14 Dicembre 2020

Quello che ci apprestiamo a vivere è stato definito, eufemisticamente, un Natale diverso: spostamenti limitati, tavolate ridotte, abbracci rimandati. Il momento è difficile anche dal punto di vista economico, con l’intero settore agroalimentare che soffre della contrazione dei consumi, dettata dalle restrizioni imposte durante l’intero 2020. Per cercare di limitare i danni, in tutta Italia, sono diverse le iniziative a sostegno dei piccoli produttori, scopriamone alcune.

  1. DOL – (P)orto sicuro. Grazie a un bando Arsial, cinque produttori laziali hanno avuto la possibilità di partecipare al progetto (P)orto sicuro ed essere inseriti sui canali e-commerce di DOL, che fa da garante della qualità, nel rispetto di una filosofia ben precisa. DOL è infatti una vetrina di eccellenza per aziende laziali virtuose, a filiera controllata, attente al territorio e alla sostenibilità. Sono disponibili quattro pacchi natalizi con prodotti che vanno dall’olio extravergine di oliva itrana dell’Azienda Agricola Giorgio Maselli, ai formaggi della Fattoria La Frisona. Le conserve sono firmate dalla Macelleria Rossi. Non mancano infine i vini de La Luna del Casale e Alessandro Neri.
  2. Slow Food Roma – Un Sacco Buono. Imprese piccole e poco strutturate, che sorgono in territori periferici rispetto ai grandi centri urbani, in questo momento sono in difficoltà per via della chiusura dei ristoranti. La condotta di Slow Food Roma ha pensato alla campagna Un Sacco Buono, con l’obiettivo di proteggere i prodotti presìdio più a rischio: dal Caciofiore, antico formaggio a caglio vegetale, alla Susianella viterbese (salume fatto con le frattaglie). Per ordinare un Sacco Buono basta compilare il form e scegliere il formato (da 20 a 120 euro). 
  3. Bacco Natale – Associazione Movimento Turismo del Vino. L’Associazione Movimento Turismo del Vino Toscana, ente no-profit che raccoglie circa cento soci fra le più prestigiose cantine della regione, ha lanciato l’operazione Bacco Natale. Sul sito del MTV Toscana sono disponibili più di cento confezioni natalizie, pensate dai singoli produttori, da 25, 40 o 60 euro. 
  4. ANT – Paniere Solidale. Per il quinto anno consecutivo, torna il Paniere Solidale di ANT (Associazione Nazionale Tumori). Con una donazione di poche decine di euro, in varie regioni e province è possibile acquistare una borsa in juta contenente prodotti tipici dei diversi territori. Un modo concreto per sostenere contemporaneamente i produttori e ANT, impegnata da sempre nell’attività di assistenza domiciliare ai pazienti oncologici e che durante la pandemia sta ricoprendo un ruolo ancor più prezioso. 
  5. Campagna Amica – Strenne natalizie (foto in copertina). Non potevano certo mancare le iniziative natalizie di Campagna Amica, fondazione di Coldiretti impegnata nella tutela dell’agricoltura italiana, la cui attenzione si focalizza su temi ambientali e culturali legati al cibo. All’interno dei mercati Campagna Amica di tutta Italia, saranno presenti dei punti vendita dove poter acquistare le strenne natalizie, con prodotti a km zero di aziende locali. Il numero di mercati aderenti è in continuo aggiornamento.
  6. Collisioni Festival. Il festival agrirock Collisioni negli ultimi anni ha portato nelle Langhe, mostri sacri della musica e della letteratura mondiale. In vista di un Natale difficile per i piccoli produttori del territorio, Collisioni tende loro una mano con la campagna AgriFamily Vibes. Potendo contare su una community di circa 800.000 persone, è stato creato un gruppo di acquisto diretto su Facebook, in cui la fan base del festival può entrare a diretto contatto con piccole realtà agricole piemontesi. 
I Video di Agrodolce: Cappone di Montoro