How to: 4 modi per cuocere le uova nel microonde

31 Dicembre 2020

Esistono molti modi per cuocere le uova tra cui il forno a microonde, con il quale è possibile eseguire con facilità tutte le cotture più classiche, in maniera veloce e sporcando meno stoviglie possibile. Occorre però fare attenzione ai dettagli: il problema principale della cottura delle uova al microonde è dovuto al fatto che il tuorlo – a causa dell’elevato calore interno – tende a esplodere. Un altro problema è che il tuorlo tende a solidificare negli stessi tempi dell’albume e questo non va bene se vogliamo preparare le uova fritte. Vediamo di seguito nel dettaglio come si possono cuocere le uova al microonde in 4 modi diversi.

  1. Uova fritte. Friggere un uovo nel microonde è possibile e risulterà anche più leggero rispetto a quello fritto in padella. Ungete leggermente un piatto con olio o burro, apriteci l’uovo e mettetelo nel microonde. Aggiungete un po’ di sale all’albume: ne velocizzerà la cottura rispetto al tuorlo. Su quest’ultimo praticate qualche foro con una forchetta o con uno stuzzicadenti. Impostate il forno a potenza media e fate cuocere per 40 secondi: se vi sembra troppo crudo fatelo cuocere ancora 10 secondi.  A questo punto tirate fuori il piatto, condite con un pizzico di sale e gustatelo da solo o con un buon pezzo di pane.
  2. Uova in camicia. Prendete una tazza dal fondo circolare e aprite l’uovo direttamente dentro la tazza cercando di non rompere il tuorlo. Coprite l’uovo con acqua e poco aceto, versandolo delicatamente dentro la tazza. Coprite la tazza per evitare eventuali schizzi in cottura: va bene anche un foglio di carta da cucina. Accendete il forno alla potenza massima per 35 secondi: se preferite un tuorlo più morbido, dovrete ridurre la potenza della metà e cuocere l’uovo per circa un minuto.
    Trascorso il tempo indicato, controllate la cottura: se trovate l’albume ancora liquido, cuocete l’uovo per altri 10-15 secondi. Bisogna precisare poi che ogni modello di microonde ha una potenza diversa, quindi sarà necessario regolare il tempo di cottura in base alle caratteristiche del singolo elettrodomestico. Quando l’albume risulta bianco e sodo, l’uovo è pronto. Per toglierlo dalla tazza sarà sufficiente scorrere la lama di un coltello lungo i bordi dell’uovo e staccarlo dalle pareti: inclinando la tazza dovrebbe uscire facilmente.
  3. Uova sode. Per cuocere un uovo sodo al microonde dovrete prestare molta attenzione: è il più difficile da preparare per il rischio che possa esplodere se non si seguono alcuni accorgimenti. Prendete un uovo e praticate due piccoli fori alle estremità con un ago molto sottile. Sistematelo in una tazza e ricopritelo di acqua: il livello deve essere almeno 1 centimetro sopra l’uovo. Mettete nell’acqua mezzo cucchiaino di sale intorno all’uovo e coprite la tazza con un piattino; cuocete a 500 w per circa 8 minuti. Una volta terminata la cottura, passate l’uovo sotto l’acqua fredda del rubinetto per raffreddarlo e aiutarvi a sbucciarlo. 
  4. Uova strapazzate. Per cucinare delle perfette uova strapazzate nel microonde, dovrete ungere leggermente un piatto fondo o una tazza. Aiutandovi con un foglio di carta da cucina, aprite l’uovo nel piatto, dopodiché aggiungete un cucchiaio di latte (o se preferite di panna fresca) e un pizzico di sale. Sbattete il tutto con una forchetta, finché non otterrete una miscela omogenea. Coprite il piatto e cuocetelo a potenza alta per circa 45 secondi, poi toglietelo e aggiungete eventualmente altri ingredienti per insaporire. Giratelo per incorporare aria e renderlo più soffice, cuocete per altri 30 secondi poi controllate: se vi sembra ancora troppo morbido fate cuocere ancora 10-15 secondi.