Nasce un olio extravergine pensato dalle donne per le donne

9 Gennaio 2021

Si chiama Olià ed è la nuova etichetta di Premiati Oleifici Barbera – storico marchio italiano dell’olio d’oliva – lanciata lo scorso dicembre: femminilità e creatività, per un binomio inscindibile che trova piena espressione attraverso questo extravergine pensato dalle donne dell’azienda, da sempre forza trainante, che con questo progetto è orgogliosa di esaltare appieno la loro competenza e sensibilità.

  1. Partnership con Arcidonna. Olià è il frutto di un progetto più ampio, promosso e portato avanti dalle donne che lavorano all’interno di Premiati Oleifici Barbera insieme ad Arcidonna, associazione nazionale nata a Palermo nel 1986, con l’obiettivo di promuovere la libertà e le pari opportunità delle donne, valorizzandone creatività e identità, combattendo le discriminazioni. Parte dei proventi di Olià sarà infatti devoluta proprio all’associazione, da sempre impegnata nel dar voce alle istanze delle donne.  “Il progetto Olià – spiega Manfredi Barbera, amministratore delegato della Manfredi Barbera & Figli S.p.A. e consigliere nazionale di Federolio – è frutto della solidarietà e intende valorizzare lo spirito d’iniziativa e l’identità femminile, cuore pulsante della nostra azienda, in cui oltre il 60% della forza lavoro è rappresentata proprio dalle donne, attraverso un processo del tutto involontario. Anche per questo con Olià abbiamo deciso di devolvere una quota ad Arcidonna su ogni bottiglia venduta, per sostenerne i progetti e l’attività”.
  2. La campagna fotografica. A supporto del lancio di Olià è stata predisposta una campagna fotografica che ha coinvolto 20 donne siciliane, tra imprenditrici, giornaliste, chef e attrici, legate all’associazione Arcidonna. Tutte le protagoniste hanno prestato il loro volto per promuovere Olià e i valori delle pari opportunità. “Quando Manfredi Barbera mi parlò di questo progetto produttivo dedicato alle donne – spiega Valeria Ajovalasit, Presidente di Arcidonna – lo trovai subito interessante anche perché anch’io, sull’isola di Ustica e in Maremma, produco olive e olio. Conosco bene quanta cura e dedizione occorrono per mantenere questa tradizione produttiva e impegnarsi a trasferirla alle nuove generazioni. Arcidonna ha sempre guardato con grande interesse al mondo agricolo e alla trasformazione agroalimentare di qualità. Nell’olio, nel vino, nel settore agrumicolo, le donne hanno conseguito in Sicilia risultati importanti, non solo come imprenditrici e capitane d’azienda, ma anche come professioniste e manager, portatrici di una visione d’innovazione e di ricerca continua. Olià è un segno distintivo generato da questa cultura”.
  3. Cultivar e packaging. Olià è un olio extravergine d’oliva della varietà Biancolilla – tra le cultivar autoctone più antiche nel panorama siciliano – ottenuto attraverso un processo di estrazione a freddo entro e non oltre le 12 ore dalla raccolta. Il risultato finale è un olio caratterizzato da un color giallo oro, con un netto sentore erbaceo e leggere note piccanti sul finale. Un prodotto di nicchia in edizione limitata, con una produzione iniziale pari a 5.000 bottiglie, a cui l’azienda è pronta ad aggiungere un ulteriore stock. Il suo packaging essenziale e delicato, le linee sinuose della bottiglia e dell’etichetta rosa pastello riconducono all’universo femminile. Realizzata in carta perlata antiolio, l’etichetta è caratterizzata da serigrafie e lamina in oro rosa per evidenziare il nome.
I Video di Agrodolce: Lassi di mango