Come adottare un agricoltore de I Borghi più belli d’Italia

24 Gennaio 2021

Sappiamo che l’Italia per fortuna è formata da tanti bellissimi paesi e da una rete di artigiani e di produttori di qualità unica al mondo. Grazie a questo binomio che si attrae da sempre, l’associazione I Borghi più belli d’Italia e Coltivatori di Emozioni hanno deciso di lanciare un’iniziativa a sostegno dei piccoli borghi italiani e i produttori agricoli che li abitano.

Da sempre il Belpaese custodisce un patrimonio prezioso, fatto di storia, arte e tradizioni enogastronomiche, e proprio da questo connubio, nasce una nuova iniziativa che punta a valorizzare i borghi della nostra penisola attraverso uno degli elementi comuni alle due realtà, l’agricoltura. Una grande opportunità che nasce proprio nell’anno 2021, che l’Assemblea Generale dell’ONU ha dichiarato Anno Internazionale della Frutta e della Verdura. L’AIFV 2021 rappresenta un’opportunità unica per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della frutta e della verdura per l’alimentazione umana, la sicurezza alimentare e la salute, nonché per realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU.

Il progetto Sostieni un agricoltore del borgo

Questa è l’opportunità per coprire borghi meravigliosi attraverso una nuova chiave di lettura, le loro tradizioni agroalimentari. Molti, infatti, tramandano conoscenze agricole antiche e coltivazioni poco conosciute che meritano di essere riscoperte: dal miele di Scarperia a quello di Viggianello, dal grano di Gradara al farro di Abbateggio, dallo zafferano di Navelli, alla Rapasciona della Valle del Mercure, passando per la storia di Letizia e il suo legame con l’agricoltura, racchiuso nella fagiolina di Castiglione del Lago e molto altro ancora.

Le tipologie di adesione all’iniziativa sono tre: più sarà il coinvolgimento e più saranno le ricompense in prodotto che si potranno ricevere e le ore donate ai produttori. Inoltre uno dei pacchetti sarà impreziosito dalla nuovissima guida de I Borghi più belli d’Italia 2020/2021 che accompagneranno il sostenitore dentro la grande varietà di stili architettonici, opere d’arte, paesaggi, storie, produzioni artigianali, eccellenze enogastronomiche, feste e tradizioni che caratterizzano questa Italia nascosta. Ogni adozione genererà un buono lavoro da 1h interamente destinato al produttore adottato che potrà usarlo per portare a compimento le varie attività lavorative (semina, vendemmia, raccolta, lavorazione ecc.). Inoltre un Certificato di adozione suggellerà il legame del sostenitore con il territorio e il produttore adottato.

Grazie al vostro sostegno, potrete donare ore lavoro, fondamentali per poter terminare delle fasi lavorative del prodotto, segnalate dagli agricoltori stessi. Non solo sapori ma una nuova visione di consumo critico! Sul sito di Coltivatori di Emozioni trovate tutte le informazioni per  sostenere un agricoltore del borgo.

I Video di Agrodolce: Virgin Mule