Come cucinare la scarola: 8 ricette da provare subito

19 Febbraio 2021

Parlare genericamente di insalata significa allargare la lente di ingrandimento a tal punto da perdere tutte le varianti e le tipologie stagionali. Ogni prodotto della natura – dalle verdure agli ortaggi – nascondono un piccolo cosmo che si popola di abitanti diversi a seconda della stagione del momento. In quella attuale – il sapore amarognolo e la consistenza croccante la rendono ideale per tante cotture già da fine autunno e per tutto l’inverno – la scarola spicca tra le primizie. Il suo aspetto composto da cespi compatti e grandi foglie di un verde brillante si presta ad essere sfruttato in cucina attraverso diversi tipi di cottura. Non solo, quindi, cruda in una semplice insalata mista, ma imbottita, al forno, ripiena, in frittata, in padella o alla napoletana. Insomma, la scarola è molto più che una classica variante di insalata. Il sapore di per sé amarognolo e la consistenza croccante diventano veri e propri punti di forza durante la cottura: da un lato il gusto si amalgama ed esalta quello degli altri ingredienti, dall’altro la consistenza diventa morbida e cremosa, perfetta per preparare sformati e risotti. Siete curiosi di sapere come sfruttare al massimo le caratteristiche della scarola in ricette diverse dal solito? Ecco 8 idee da cui prendere spunto. Se ne volete ancora, qui trovate tutte le nostre ricette con la scarola.

  1. Tiella di scarola. Conosciuta anche con il nome di tiella di Gaeta dall’omonimo contenitore nel quale è preparata, questa ricetta rappresenta un piatto unico davvero gustoso: a metà tra una torta salata e una pizza rustica con un gustoso ripieno a base di scarola e olive di Gaeta al quale potrete aggiungere delle acciughe, del baccalà lesso o del polpo.
  2. Zuppa di fagioli e scarola. Un piatto ricco di proprietà salutari, ma non per questo carente di gusto e sapore. Per un attimo allontanatevi dall’idea dei minestroni insipidi e pensate a un pasto accogliente e cremoso. La zuppa di fagioli e scarola è tutto quello che si può desiderare al termine di una giornata fredda e faticosa. Iniziate a prepararla dal giorno prima mettendo i fagioli a mollo durante la notte e poi procedete seguendo i passaggi classici della zuppa. Per un effetto più cremoso potrete frullare parte degli ingredienti. Completate con del pane abbrustolito e un giro di olio extravergine a crudo.
  3. Bocconcini di pescatrice alle mandorle con invidia e scarola. Un secondo piatto di pesce gourmet, da servire in occasioni speciali. Questi bocconcini presentano un perfetto equilibrio di sapore: la delicatezza della rana pescatrice si abbina alle note amarognole della scarola e alla dolcezza dell’uvetta. Ricordatevi di sfumare con del vino di bianco e di servire i vostri bocconcini belli caldi e dorati
  4. Polpette di scarola. Da portare come antipasto, ma anche al momento dell’aperitivo o da contorno a un secondo piatto di carne o pesce, queste polpettine rappresentano un’ottima alternativa vegetariana da servire in ogni occasione. Per una versione più salutare, passatele nel pangrattato e cucinatele in forno. Non dimenticate di aggiungere all’impasto una manciata di pinoli per rendere il tutto ancora più appetitoso.
  5. Scarola imbottita. Ricetta tipica della tradizione culinaria napoletana, la scarola imbottita si distingue per una certa personalità. Dopo aver lessato la verdura, farcitela con un mix di ingredienti estremamente saporiti, come olive nere, pecorino, pinoli, uvetta, capperi e acciughe. Legatela con uno spago da cucina, cospargetela di pangrattato e infornate fino a che non si formerà una gustosa crosticina. Servitela come contorno da accompagnare a un secondo piatto leggero, meglio se di pesce o di carne bianca.
  6. Soufflé di scarola. Se volete arricchire la vostra lista di soufflé, provate questa variante vegetariana a base di scarola. Montate alla perfezione gli albumi d’uovo, condite con una generosa dose di besciamella, parmigiano (o pecorino) e amalgamate il tutto alla scarola. Infornate, facendo attenzione a non aprire il forno prima che il soufflé non si sia gonfiato. A questo punto, spegnete il forno e lasciate riposare per qualche minuto prima di portarlo in tavola.
  7. Risotto alla scarola, mandarino e branzino scottato. Un primo piatto per veri intenditori con un sapore originale e accattivante. Le note agrumate del mandarino si legano alla perfezione con il sentore amaro della scarola e con la dolcezza del branzino leggermente scottato in padella. Il risultato sarà un risotto cremoso e profumato da portare in tavola sia in occasioni formali che per una cena leggera ma gustosa.
  8. Frittata invidia, scarola e uvetta. La frittata è sempre l’idea vincente quando si tratta di portare in tavola un piatto semplice e saziante. Questa variante è ancora più ricca e saporita grazie all’aggiunta della scarola, dell’indivia e dell’uvetta lasciata precedentemente rinvenire nell’acqua. Per un’alternativa ancora più ricca e sostanziosa potete aggiungere anche alici, pinoli e olive. Quanto alla cottura, potete scegliere: se avete una certa dimestichezza nel girare le frittate potete utilizzare la padella, mentre in caso contrario cucinatela al forno e sfornate quando la superficie sarà perfettamente dorata.