How to: come sfornare una torta perfettamente piatta

23 Febbraio 2021

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, una torta gonfia e lievitata al massimo non è sempre sinonimo di risultato perfetto. Quante volte, infatti, una torta perfettamente lievitata, senza crepe o rigonfiamenti vi sarà capitato di sfornare dolci così lievitati da non riuscire a decorarli o farcirli? Perché una torta sia perfetta è fondamentale che presenti una superficie regolare, senza crepe, rigonfiamenti, o al contrario, buchi al centro: solo in questo modo potrete tagliare strati uniformi da farcire con creme o decorare con ganache e rendere il vostro dessert ricco e sontuoso. Purtroppo l’esperienza ci dice che non è facile ottenere una torta che sia lievitata il giusto: dalla temperatura del forno, al tempo di cottura, alla quantità di impasto versata nella tortiera, sono davvero tanti i fattori che possono concorrere a rendere la vostra torta irregolare. Uno degli aspetti più importanti è senz’altro la diffusione del calore che cuocendo prima i bordi lascia la parte centrale isolata e meno esposta così che la cottura lungi dall’essere uniforme e omogenea. Tuttavia, per far sì che i bordi non si brucino e che l’interno non si gonfi o rimanga crudo, esistono degli stratagemmi davvero semplici ed efficaci.

Il metodo delle strisce

Se volete incidere direttamente sul processo di cottura ed evitare che i bordi della torta cuocendosi prima della parte centrale facciano gonfiare pericolosamente la superficie, questo è il miglior metodo da seguire. Se è la prima volta che vi cimentate in questo trucchetto potete utilizzare un semplice canovaccio: misurate la circonferenza della vostra tortiera e avvolgete il canovaccio per vedere se è della lunghezza giusta. A questo punto ripiegatelo fino a formare una striscia alta un paio di centimetri e immergetelo in acqua fredda. Strizzatelo molto bene e coprite l’esterno della tortiera chiudendo le estremità con uno spillo. In questo modo, il canovaccio proteggerà dal calore esterno la superficie centrale della torta garantendo una cottura graduale e uniforme.

In alternativa al canovaccio, potete provare con delle strisce di carta assorbente avvolte nell’alluminio che grazie alle sue proprietà termiche manterrà la giusta umidità durante la cottura.

Trucchi e consigli

Oltre al metodo delle strisce potete comunque adottare altri accorgimenti e piccoli trucchi che contribuiranno ad ottenere una torta perfettamente piatta e regolare.

  • Ricordatevi di setacciare sempre gli ingredienti secchi prima di aggiungerli all’impasto: in questo modo ridurrete la formazione dei grumi e la possibilità che durante la cottura creino delle bolle sulla superficie.
  • Se volete preparare una torta a più strati e non volete cimentarvi nella cottura di un unico impasto potete procedere in questo modo: dividete la dose totale in tante parti uguali e distribuitele uniformemente in diverse tortiere. Dovrete essere molto precisi, quindi, aiutatevi con una bilancia. Così facendo otterrete tante torte sottili da sovrapporre tra cremosi strati di cioccolato o panna.
  • Ultimo accorgimento, ma non meno importante, riguarda la temperatura del forno: per fare in modo che la vostra torta non si gonfi eccessivamente (o al contrario si sgonfi creando un buco al centro) è fondamentale preriscaldare il forno e diminuire di qualche grado la temperatura aumentando la durata della cottura stessa (senza mai aprire lo sportello per i primi 20 minuti). Se, notate che la superficie inizierà a colorirsi troppo potete risolvere coprendola con un foglio di alluminio durante gli ultimi minuti.