Home Cibo Una Pasqua diversa? Scegli tra questi 23 prodotti pop

Una Pasqua diversa? Scegli tra questi 23 prodotti pop

di Raffaella Galamini

Per una Pasqua all’insegna della cultura pop, lascia perdere le classiche uova e colombe e prova uno di questi prodotti insoliti.

Colorate, golose e… sorprendenti. Già quest’anno le uova di Pasqua, per scelta, la sorpresa preferiscono non nasconderla all’interno. Tanti tipi di cioccolato diverso per colore, aromi e peculiarità; decori a mano e rifiniture degne di un’opera d’arte. Creazioni in cioccolato che ci riportano ai ricordi d’infanzia, proposte ironiche e pop per chi ama le dolci provocazioni. Scopriamo novità e tendenze più curiose di questa Pasqua 2021 che, grazie all’e-commerce, sono alla portata davvero di tutti.

  1. Amedei. Due è meglio che uno recitava (più o meno) una vecchia pubblicità: è quello che ha pensato Amedei. L’azienda di Pontedera nota per l’eccellente cioccolato artigianale a Pasqua propone l’Uovo Bigusto TB70 & TBrown, mezzo guscio di Toscano Black 70 e mezzo di Toscano Brown, la specialità al latte di Amedei che ha ricevuto ben otto Tavolette d’oro. 
  2. La Molina. Squadra che vince non si cambia: alla Molina hanno pensato di fare lo stesso con l’uovo sotto-vetro dopo i riconoscimenti ottenuti. Si presenta come un uovo alla coque, dentro è ripieno di crema gianduia e, dettaglio fondamentale, è protetto dal vetro. La linea si è arricchita di nuove versioni: il Bianco; il Fondente; l’Oro; il Pistacchio. 
  3. Paolo Griffa. La sorpresa di quest’anno è una bomba: è la Easter Bomb a uovo di Pasqua di Paolo Griffa, Executive Chef del Grand Hotel Royal e Golf di Courmayeur nonché chef dello stellato Petit Royal. Nella scatola che sembra uscita da un cartoon c’è l’uovo dal colore metallizzato con tanto di miccia e martello in legno per rompere l’uovo realizzato dal falegname valdostano Giorgio Denarier. 
  4. Knam. Il maître chocolatier Ernst Knam non finisce mai di stupire con le sue opere d’arte al cioccolato: dal Pinocchio a base di Perù Pachiza 70% o al latte Pachiza 39%, di cui si può personalizzare anche la lunghezza del naso all’uovo Zampe realizzato in cioccolato fondente Perù Pachiza 70%, che è poi spruzzato con burro di cacao bianco e decorato con inserti in pasta di zucchero. Per gli amanti dell’arte c’è l’uovo Pollo Pollock
  5. Baratti & Milano. Il fascino della Belle Epoque unito allo stile della storica casa torinese Baratti & Milano danno vita al Cilindro portagioie di Gran Classe: nella confezione luxury che tanto andava di moda a fine ‘800 si nascondono sorprese come l’uovo Nocciolato Gianduja e la versione Nocciolato Extra Fondente avvolte da una carta-mappa di Torino del 1925. Viene spedito in tutto il mondo con tanto cartoncino di ringraziamento personalizzabile: un aeroplanino-origami da costruire. 
  6. Davide Appendino. Se ne sentono tante sulla canapa ma quest’anno è letteralmente una vera sorpresa che l’artigiano del cioccolato torinese Davide Appendino sia riuscito a realizzarci un uovo. La creazione unisce al cioccolato pregiato l’olio di canapa biologico coltivato nella zona del Roero e in aggiunta i semi di canapa decorticati per aggiungere un po’ di croccantezza. 
  7. Tiri 1957. Tra i nostri preferiti per quanto riguarda le colombe, Vincenzo Tiri quest’anno ha pensato anche all’uovo di Pasqua. Decorato con effetto matelassé, si chiama Ovettone: un uovo di cioccolato al panettone. Sullo shop sono disponibili diverse tipologie di cioccolato che uniscono differenti varietà di panettone, compreso quello al caramello salato.
  8. Melegatti e Caffè Borbone. Matrimonio d’interesse per Melegatti e Caffè Borbone: a Pasqua lanciano la colomba al caffè Borbone con impasto al caffè con gocce di cioccolato belga e crema sempre al caffè. A ricoprire la superficie del dolce pasquale tanta granella di cioccolato bianco.
  9. Pasticceria Martesana. La frutta al cioccolato in versione cartoon è la novità di Pasqua per la Martesana di Milano. Arrivano Fragolosona, Cioccococco e Martesananas:  rispettivamente fragola cocco e ananas nate da un’idea di Vincenzo Santoro e Domenico di Clemente. Per farle è usato cioccolato finissimo e sostenibile.
  10. La Perla di Torino. L’uovo di Pasqua incontra il tiramisù: è la proposta di Pasqua della Perla di Torino per la collezione di uova decorate. La novità trae ispirazione dalla ricetta del tartufo, preparato con cacao, caffè e mascarpone. Tutto realizzato artigianalmente e soprattutto con i migliori ingredienti del Piemonte.
  11. Guido Gobino e Antonio Zaccardi. La Pasqua è da sempre una festa legata alla rinascita ma mai come quest’anno c’è bisogno di speranza e di sognare una ripartenza. Ecco quindi che arriva l’Uovo Rotto ispirato all’arte giapponese del Kintsugi. Le decorazioni sono state realizzate da Antonio Zaccardi e Guido Gobino e come è facile immagine si tratta di pezzi unici. Cioccolato Extra Bitter Blend al 70% di cacao aromatici e zucchero italiano. La sorpresa è un ovetto di cioccolato Extra Bitter Blend al 70% di cacao con un cuore morbido di mandorla di Sicilia salata. Parte del ricavato sarà devoluto alla cooperativa sociale Made in Carcere.
  12. Marchesi 1824. Un tocco di primavera nella collezione Marchesi 1824. Le uova di cioccolato bianco, al latte e fondente, diventano mongolfiere dalle tonalità pastello e dai fini decori: al loro interno sorprese personalizzabili. In alternativa le uova di Pasqua al cioccolato fondente o al latte sono in caratteristiche confezioni a lanterna.
  13. KitKat, il classico snack con wafer ricoperto di cioccolato per Pasqua si trasforma in un tenero coniglietto: una ventata d’allegria per uno snack goloso durante i giorni di festa.
  14. La Farmacia Del Cambio di Torino quest’anno propone il giandoro: è un pandoro a forma di gianduiotto, con una spolverata finale di cacao e zucchero a velo. Da mangiare con una crema spalmabile al cioccolato per una Pasqua fuori stagione e soprattutto da autentici golosi.
  15. Antonino Cannavacciuolo. Direttamente da Villa Crespi arriva la dolce Pasqua di Antonino Cannavacciuolo: lo chef non si smentisce e accanto alla colomba classica, proposta anche nelle varianti cioccolato e arancia e al limoncello, stupisce con la versione mignon della pastiera, tipico dolce pasquale napoletano realizzato in vasocottura.
  16. Sal De Riso. Il campano Sal De Riso è ormai tra i pasticceri più famosi d’Italia. Per Pasqua ecco le colombe: al limoncello, all’amarena, ai tre cioccolati, con ricotta e pere, la versione “sottobosco” e quella “stregata”. Da non perdere la colomba Sol Levante. Tra gli agrumi usati: il mandarino, il pompelmo rosa, il limone e il nipponico yuzu. Viene farcita con ananas semi candita, fragole di Candonga e Inspiration Yuzu Valrhona.
  17. Gay-Odin. Poteva mancare Dante, nell’anno in cui si festeggiano i 700 anni dalla morte? Certo che no e così la storica Fabbrica del Cioccolato Gay-Odin ha pensato bene di realizzare un uovo gigante di pregiato cacao dal peso di 350 kg per due metri e mezzo di altezza. Il guscio è decorato interamente decorata a mano e propone il ritratto del poeta. Per gli amanti delle creazioni più estrose della pasticceria napoletana da non perdere la foresta di cioccolato nella versione uovo di Pasqua e colomba.
  18. Giuliano Baldessari. Non poteva mancare in questa Pasqua così insolita la colomba psico-attiva dello chef Giuliano Baldessari, una stella Michelin all’Aqua Crua di Barbarano Vicentino. Grazie ai principi della neurogastronomia che studia gli effetti neuro e psico-attivi del cibo sull’uomo, la colomba è stata realizzata per produrre sensazioni positive. Il segreto è nell’accostamento degli ingredienti.
  19. Liquori Morelli. La colomba artigianale alla grappa è la novità di Liquori Morelli, storica azienda toscana. E’ un lievitato rigorosamente artigianale, realizzato con il metodo “a doppia goccia di impasto” e bagna alcolica con Grappa Toscana, prodotto di punta per Morelli. A completare la proposta del liquorificio la colomba artigianale al Limoncino con bagna alcolica di Limoncino 32° e quella all’Arancino con bagna alcolica di Arancino 32°. Ogni colomba artigianale di Liquori Morelli è incartata a mano.
  20. Cremeria Capolinea. Mancava e da oggi c’è: è il Panettone di Pasqua, la proposta della pasticceria di Simone De Feo a Reggio Emilia. Un panettone fuori stagione, profumato alla nocciola. Viene proposto in abbinamento con il babà pastiera napoletana in vasocottura e con la sbrisolona classica.
  21. Paluani festeggia 100 anni e ha deciso di realizzare il dolce del centenario a forma di Arena di Verona. Si chiama Offella Fior di Burro, è un dolce tipico del Veronese e risalente all’Ottocento. Insomma un antenato del pandoro. Per i più piccoli da segnalare le Uova Stories by Thun e le Uova Trudi.
  22. Zàini Milano. Think pink con l‘Uovo Ruby di Zaini Milano: rosa il cioccolato al sapore di frutti rossi, rosa anche il tulle in cui è avvolto. La boutique – chocolate di Milano lo consegna a casa con il delivery a bordo di una Fiat 1100 d’epoca. Altrimenti si ordina online.
  23. Luca Mannori. Alta pasticceria creativa con Luca Mannori. Il pasticciere toscano propone le sue uova decorate a mano con i gusci di cioccolato trasformati in tela per dolci opere d’arte da gustare con gli occhi e con il palato. Sono realizzate con cioccolati a base fondente al 65% di cacao, latte al 42% di cacao e cioccolato bianco al 38% di burro di cacao.