Home Cibo Torino: domenica 11 il Banco Alimentare organizza il delivery solidale

Torino: domenica 11 il Banco Alimentare organizza il delivery solidale

di Francesca Martinengo

Il Banco Alimentare di Torino ha organizzato Pranzo a Mille: domenica 11 aprile 250 box degli chef saranno consegnate alle famiglie bisognose.

Quest’anno a Torino il Banco Alimentare organizza il Pranzo a mille: il più grande delivery solidale mai realizzato in Italia. Domenica 11 aprile più di mille persone riceveranno dai volontari del Banco Alimentare del Piemonte,il banco alimentare si affida ai cuochi e al delivery per il pranzo a mille di quest'anno  in versione rider, 250 box contenenti ognuno 4 pasti completi da 3 portate, grazie ai fornelli accesi per l’occasione dai Cuochi di Speranza, 30 chef torinesi (di cui 10 stellati). Ogni borsa regalo conterrà anche una bottiglia di vino, ovetti di cioccolato e gianduiotti dei Maestri del Gusto, un pacchetto di caffè, un libro, una piantina di fiori e una tovaglia per rendere più bello il pranzo domenicale. Alla magnifica brigata degli chef si uniranno infatti 4 aziende di produzione del cioccolato, tra cui 8 Maestri del Gusto, 1 panificatore Maestro del gusto, i sommelier dell’Ais, il Consorzio delle Doc Freisa di Chieri e Collina Torinese e 5 cantine vinicole dal Piemonte e dal Friuli Venezia Giulia: tutti offriranno i loro prodotti per rendere più gioiosa la giornata.

La cena a Mille in versione delivery

Il Pranzo a Mille è la versione delivery della tradizionale Cena a Mille che il Banco Alimentare del Piemonte organizza da 5 anni a Torino, con la speciale partecipazione dei foodwriters Clara e Gigi Padovani, l’aiuto di chef stellati e non, donazioni di aziende generose e il supporto di tanti volontari. A proposito di chef, quest’anno sono stati coinvolti anche molti volti nuovi, che hanno accettato con grandissimo entusiasmo: la ristorazione, uno dei settori più colpiti dalle conseguenze della pandemia da Covid-19, ha dimostrato anche in questa occasione una grande voglia di ricominciare, anche con questa iniziativa a favore delle fasce più deboli della città.

I ristoranti aderenti

Ognuno dei 28 ristoranti coinvolti preparerà circa 40 pasti composti da primo, secondo e dessert, cucinati in modo da offrire l’eleganza e il gusto di un pranzo al ristorante e con ingredienti rispettosi delle diverse culture. Le preparazioni saranno poi distribuite alle famiglie, individuate in modo rigoroso con la collaborazione di oltre 500 associazioni caritatevoli di Torino e provincia, che cooperano sul territorio con il Banco Alimentare, che spiega che si tratterà di “una domenica diversa, per dare un segno concreto di vicinanza a chi fatica a mantenere la speranza in un domani migliore. Per far sentire a quanti aiutiamo il nostro sostegno, proprio con la condivisione del cibo. Non solo quello  che raccogliamo e distribuiamo ogni giorno, ma quello di un pasto studiato, creato e cucinato proprio per le persone”. I ristoranti aderenti a Torino:

  • Antonio Chiodi Latini – chef Antonio Chiodi Latini
  • Bricks – chef Liviu Ceoflec
  • Cannavacciuolo Bistrot – chef Antonino Cannavacciuolo, resident Nicola Somma – 1* Michelin
  • Carlina – chef Alexander Robles
  • Carignano (Grand Hotel Sitea) – chef Fabrizio Tesse – 1* Michelin
  • Casa Vicina (Green Pea) – chef Claudio Vicina – 1* Michelin
  • Antica Trattoria Con Calma – chef Luca Di Miceli
  • Condividere (Nuvola Lavazza) – chef Federico Zanasi – 1* Michelin
  • Cornoler – chef Simone Bianco
  • Del Cambio – chef Matteo Baronetto – 1* Michelin
  • Eataly Lingotto – chef Patrik Lisa
  • Eragoffi – chef Lorenzo Careggio
  • Gufo Bianco – chef Andrea Pio
  • La Limonaia – chef Cesare Grandi
  • Monferrato – chef Fabrizio Canavero
  • Piano 35 – chef Marco Sacco, resident Christian Balzo – 1* Miche
  • Piazza dei Mestieri – chef Maurizio Camilli
  • San Giors – chef Paolo Ribotto
  • Spazio7 (Fondazione Sandretto Re Rebaudengo) – chef Alessandro Mecca – 1* Michelin
  • Spazio Mouv’ – chef Mauro Virdis
  • Tre Galline – chef Luigi Rosato
  • Vitel Etonné – chef Massimiliano Brunetto
  • Zheng Yang – chef Silvia Ling

I ristoranti aderenti in provincia di Torino:

  • Casa Format – Chef Giovanni Grasso e Igor Macchia – 1* Verde Michelin – Orbassano
  • Dolce Stil Novo alla Reggia – chef Alfredo Russo – 1* Michelin – Venaria Reale
  • Gardenia – chef Mariangela Susigan – 1* Michelin – Caluso
  • La Cadrega – chef Giorgio Picco – Moncalieri
  • La Piola di via Piol – chef Mimmo Girioli – Rivoli

Nelle box ci saranno anche prodotti di alta qualità forniti dalle eccellenze della regione.

Il caffè sarà di Lavazza Group; cioccolato e gianduiotti a cura di Davide Appendino, Baratti & Milano, Boella & Sorrisi, Bottega Storica Odilla Bastoni, Calcagno 1946, Guido Castagna, Guido Gobino, La Perla, Peyrano, Pfatisch, Piazza dei Mestieri, Piemônt Cioccolato e Prodotti Gianduja. I grissini sono di  AgriBiscotto – Maestro del Gusto panificatore Rudy Marangon, mentre del vino si occuperanno l’Associazione Italiana Sommelier – Delegazione di Torino, il Consorzio di Tutela e Valorizzazione delle DOC Freisa di Chieri e Collina Torinese, l’Azienda Agricola Marrone, Alessio Dorigo, Fontanafredda, Garesio Vini, Marchesi di Barolo e Ricossa.