La sangria si può fare in 11 modi diversi (e ora c’è anche in lattina)

14 Maggio 2021

È il simbolo stesso della fiesta spagnola. La sangria, che deve il suo nome all’intenso colore rosso sangue (sangre in spagnolo) è sinonimo di aperitivo al bar con gli amici o, d’estate, per strada tra chiacchiere e musica in sottofondo. È una bevanda alcolica rinfrescante e profumata a base di vino rosso, spezie e frutta.

La ricetta classica

Una bottiglia di vino rosso, una mela, due pesche, il succo di due arance e quello di mezzo limone, una stecca di cannella, due cucchiai di zucchero e due di acqua. Queste le dosi per una sangria classica. Si mette a scaldare sul fuoco un pentolino con l’acqua e quando diventa calda si aggiunge lo zucchero e lo si fa sciogliere. A parte si mette in una caraffa da due litri la frutta tagliata a pezzetti, si versano il vino, il succo delle arance e del limone e l’acqua zuccherata. Per rendere più profumata e intensa la sangria, aggiungere la stecca di cannella. C’è chi rinforza la bevanda con un bicchierino di Cointreau o di Brandy ma è un’aggiunta facoltativa. Basta poi coprire la caraffa con della pellicola da cucina e lasciare la sangria in frigorifero per alcune ore così che tutti gli ingredienti si mescolino tra loro. Una volta pronta, non resta poi che condividere il contenuto con amici e parenti avendo cura di aggiungere alla bevanda anche qualche pezzo di frutta.

Le varianti

Come per altre bevande di largo consumo, vedi ad esempio lo spritz, non mancano le variazioni sul tema. Ecco alcune di quelle più conosciute.

  1. Sangria bianca. Viene anche chiamata sangria catalana: è di sicuro la variante più conosciuta. Originaria della Catalogna, si prepara utilizzando una bottiglia di vino bianco, vodka (alcuni usano Cointreau o Grand Marnier), e si aggiungono il succo di arance, le pesche a pezzi, lo zucchero e la cannella. Per il resto il procedimento è lo stesso e una volta preparata la bevanda va lasciata in frigo per diverse ore.
  2. Sangria De Cava. La sangria in Catalogna è molto popolare a giudicare dalla presenza di una seconda variante: Cava è il centro catalano da cui arriva questa versione. Al posto del vino bianco si preferisce utilizzare lo Champagne. Qualcuno in verità opta anche per il prosecco. Ingrediente a parte, la preparazione è la stessa della ricetta originale.
  3. Sangria invernale. Di solito si associa la sangria all’estate: niente di più sbagliato. Ne esiste addirittura una versione invernale, preparata con la frutta di stagione: pesche, mele, pere, agrumi e a chi piace anche la melagrana.
  4. Sangria analcolica. La versione per chi non beve alcool e per i bambini viene preparata con il succo di frutta (di solito si consiglia quello di mela) o il tè del gusto preferito, meglio se aromatizzato alla cannella o ai fiori di garofano, al posto del vino. La frutta di stagione viene messa a macerare con zucchero e cannella.
  5. Sangria messicana. Paese che vai, sangria che trovi. Gli spagnoli hanno importato la loro bevanda preferita durante il periodo delle dominazioni. La versione messicana vede l’incontro tra il vino e la tequila; si aggiunge un cucchiaio del celebre distillato alla frutta e al succo delle arance si unisce anche quello di un lime.
  6. Sangria rosè. Think pink anche per la sangria. Un’idea originale per un aperitivo colorato e molto molto primaverile. Come è facile intuire si usa il vino rosato, si aggiungono un po’ di cognac e poi fragola, albicocca, pesca e pompelmo.
  7. Sangria esotica. A fare la differenza è la frutta: alla preparazione originale si uniscono infatti mango, ananas e more. Preparate sempre secondo il procedimento tradizionale.
  8. Sangria ai frutti di bosco. Per gli amanti del rosso ecco la sangria che fa per voi: si prende il vino tradizionale, alcuni in verità preferiscono il rosato. Si usano fragole, more, mirtilli e lamponi in pari dose per una bevanda davvero dal colore rosso sangue, a cui aggiungere foglioline di menta e una manciata di violette; a piacere pure un po’ di grappa. Lasciare riposare 5 o 6 ore.
  9. Sangria di Natale. All’abituale vino rosso si aggiungono pera e mela a pezzetti, gli spicchi di un’arancia e due mandarini, una stecca di vaniglia, il succo di un limone e di un’arancia, zucchero. Si lascia a riposare il composto in frigo e si aggiunge, una volta pronto, la gazzosa, frutti rossi a decorare il tutto e una spolverata di cannella. Per chi preferisce servire la sangria tipo vin brulè, può farlo avendo l’accortezza di offrirla tiepida e non aggiungendo la gazzosa. Meglio allungare con succo di arancia o mandarino.
  10. Sangria nell’anguria. Siamo ai fondamentali dell’aperitivo in spiaggia o in campagna, tra amici. Si prende un’anguria e la si taglia in modo da scoperchiarla. A quel punto non resta che scavare e togliere la polpa per ottenere una sorta di caraffa gigante. Si prendono i pezzi di anguria e si tagliano a cubetti, si aggiungono sempre a pezzi due lime, una pesca noce, si uniscono una stecca di cannella spezzata in due e due cucchiai di zucchero. Si lascia tutto a riposare in frigo, poi si mette nell’anguria con aggiunta di vino rosso e un po’ di acqua tonica. Si ripone l’anguria in frigo per almeno mezza giornata e alla fine la sangria è pronta.
  11. Sangria al melone. Si tagliano a cubetti la polpa di un melone, una pesca noce con la buccia, si aggiungono vino bianco frizzante, il succo di due limoni, una stecca di cannella spezzata, 4 o 5 chiodi di garofano e un bicchierino di vodka liscia, o di gin o di Martini bianco secondo preferenze. Un po’ di zucchero e si lascia a riposare per una notte.
  12. Sangria in lattina. Per chi non ha tempo o voglia di preparare la classica sangria, la soluzione è la versione in lattina. È la Sangria Nana, viene proposta da Patatas Nana, premiata di recente anche ai Barawards come Innovazione dell’anno. Viene preparata con il rosso di alta qualità Di Gino di Fattorie San Lorenzo. La differenza poi la fa il bartender Oscar Quagliarini con gli estratti naturali di cedro, pesca, arancia e vaniglia, accuratamente dosati per le lattine ecofriendly da 150 ml. Ad accompagnare la bevuta logicamente una busta di fiammiferi Patatas Nana e volendo frutta fresca.