Piccola guida completa alle frittelle

25 Maggio 2021

Il cibo delle feste, dell’infanzia, di quei piaceri semplici, ma indispensabili che solo una frittella riesce a evocare. Sono poche le ricette in grado di scatenare così tanti ricordi e di mantenerli vivi senza perdere l’appeal che le contraddistingue. Non esiste una sola ricetta di frittelle, ognuno ha la sua preferita Ogni famiglia ha le sue frittelle del cuore: ora con il burro o le uova, fritte o al forno, con ripieni dolci o salate. Perché una ricetta univoca delle frittelle in realtà non esiste: ciò che le caratterizza è una pastella composta da una base di acqua, farina e lievito (o bicarbonato) – a cui si possono aggiungere: burro, uova, yogurt o panna – dalla quale si ottiene un interno morbido e una superficie croccante. Anche sulla cottura, una regola vera e propria non esiste: se la tradizione evoca la più golosa variante fritta, non mancano versioni al forno, magari dal gusto salato grazie all’aggiunta di verdure, formaggio, patate o, addirittura, alghe. Ce n’è davvero per tutti i gusti! Scopriamoli insieme.

Frittelle dolci

Se amate il dolce in tutte le sue forme non potrete esimervi dal provare le frittelle nelle loro numerose varianti: come merenda o sfizio per concludere un pasto impegnativo. Il primo ingrediente sul quale sbizzarrirvi è la farina: scegliete tra quella di castagne, di mandorle o di avena e avrete delle frittelle da personalizzare ogni volta in modo diverso. Per creare la pastella vi basterà aggiungere dell’acqua e un pizzico di bicarbonato (o lievito istantaneo). Se volete aggiungere un tocco in più non dimenticatevi di unire una manciata di uvetta o di pinoli e completate con una spolverata di zucchero a velo.

frittelle di ricotta

Passando a ricette di maggiore sostanza, non possono di certo mancare le frittelle arricchite con gocce di cioccolato o ripiene di crema pasticcera. In questo caso alla pastella potrete aggiungere la scorza di un limone e un goccio di latte. Per una consistenza ancora più compatta, unite un tuorlo d’uovo all’impasto. A questo punto a voi la scelta se aggiungere semplicemente delle gocce di cioccolato o farcire in un secondo momento con della crema. Un’alternativa più salutare, ma altrettanto golosa sono le frittelle di ricotta: preparate l’impasto con farina, albumi, pinoli, zucchero semolato e, ovviamente la ricotta, aromatizzata al limone o all’arancia.

Frittelle di frutta

Perfette per colazione o per una merenda a base di frutta, ma decisamente più accattivante. La versione più conosciuta prevede l’utilizzo delle mele, meglio ancora se insaporite con cannella o chiodi di garofano. Tagliatele a tocchetti e mescolatele all’impasto o, in alternativa, riducetele a fettine non troppo sottili e friggetele direttamente una volta passate nella pastella. Potete seguire lo stesso procedimento con della frutta simile, come: pere, banane o pesche. Anche l’arancia si presta molto bene a essere aggiunta nelle frittelle: in questo caso, il consiglio è quello di aggiungere un goccio di rum all’impasto per esaltare ancora di più il gusto degli agrumi.

Frittelle salate

Per accogliere ripieni salati a base di formaggi e salumi le vostre frittelle dovranno avere una consistenza particolarmente tenace: sì, quindi, all’aggiunta di uova o burro all’impasto. Accertatevi inoltre che l’olio sia perfettamente bollente in modo che al momento della cottura le vostre frittelle non si sfaldino perdendo tutto il ripieno. A seconda di come vorrete utilizzarle – come aperitivo o come antipasto di un pasto principale – potrete scegliere tra versioni più semplici a base di patate e parmigiano, a quelle più ricche con salumi, pecorino o scamorza. Altra accortezza: preparate la pastella con dell’acqua frizzante e lasciatela riposare per una mezz’ora. In questo modo il risultato finale sarà ancora più croccante e alveolato.

Frittelle con le erbe

Gli appassionati del foraging e di tutto ciò che riguarda la raccolta di erbe selvatiche commestibili non potranno non cimentarsi nella preparazione di frittelle scegliendo tra: cicoria, tarassaco, ortica, cardo mariano o borragine. L’aspetto più importante è quello di lavare accuratamente le erbette e ridurle in parti molto piccole in modo da essere amalgamate in modo omogeneo alla pastella. Otterrete delle frittelle originali e diverse dal solito, con un sapore leggermente amarognolo che potrete stemperare con l’aggiunta di parmigiano grattugiato o del cipollotto fresco.

Frittelle con il pesce

 

L’idea perfetta per un aperitivo sul mare o sul vostro terrazzo cittadino alla ricerca della brezza marina. Le alternative migliori sono quelle a base di gamberetti o di salmone: saporite al punto giusto e ideali sia per la cottura al forno che per la frittura. In quest’ultimo caso, immergete le vostre frittelle al massimo per due minuti nell’olio bollente, quindi scolatele e lasciatele intiepidire su carta assorbente. Non dimenticatevi di accompagnarle con una salsina acida, preparata per esempio con yogurt, limone ed erba cipollina.

Frittelle di  pane

La versione più semplice – ma solo in apparenza – destinata ad essere arricchita da ripieni sfiziosi a base di pomodoro, mozzarella e verdure. Le frittelle di pane sono molto simili ai ben noti panzerotti partenopei: acqua, farina, bicarbonato e sale per un impasto basico di dimensione più o meno grande a seconda dell’utilizzo che dovrete farne. Servite le vostre frittelle di pane come accompagnamento di pietanze più elaborate o farciteli direttamente con gli ingredienti che più preferite.

Frittelle di riso

frittelle di riso

Una coccola che ingolosirà i più piccoli, ma anche chi è alla ricerca di sapori semplici e al tempo stesso sfiziosi. Se vi avanza del riso da una precedente ricetta, sfruttatelo per preparare queste deliziose frittelle. Cuocetelo o ripassatelo insieme a del latte intero fino a che non diventi bello morbido. Aromatizzate, se volete, con della vaniglia, e aggiungete un uovo, dello zucchero semolato, la farina e una bustina di lievito. Create le vostre frittelle, friggetele in abbondante olio di semi e completate con una generosa spolverata di zucchero a velo.

Frittelle con le alghe

Sapide e ricche di sostanze benefiche per l’organismo, le alghe sono un ingrediente versatile che ben si presta ad essere utilizzato come condimento di frittelle originali e diverse dal solito. Per prima cosa, sciacquate le alghe sotto acqua corrente e lasciatele in ammollo con del succo di limone. Intanto, preparate la pastella sostituendo il lievito istantaneo a quello di birra (ne basterà all’incirca 3 gr.). Tritate le alghe grossolanamente, quindi, aggiungetele al resto degli ingredienti fino a formare un composto omogeneo. Friggete le vostre frittele e fate la prova dell’assaggio prima di decidere se salarle o meno. Servitele ancora calde.