Cibo spazzatura: il corpo reagisce come a un’infezione

7 Luglio 2021

Da anni ormai chef e nutrizionisti ci spiegano, ognuno con la sua tecnica comunicativa, come una sana alimentazione, che prevede una buona percentuale di frutta e verdura, sia alla base di una vita sana. In quest’alimentazione ideale andrebbero evitati cibi ricchi di grassi e zuccheri come i così detti cibi spazzatura. Ad avvalorare questa tesi, da un recente studio tedesco è apparso come il nostro corpo reagisca al cibo spazzatura nello stesso modo in cui reagisce quando combatte i batteri.

Lo studio e gli esperimenti

Che il cibo dei fast food e in generale il cibo, appunto, spazzatura non sia un toccasana per la nostra salute è una questione assodata, ma forse uno studio in Germania ha scoperto qualcosa in più. L’università di Berlino ha eseguito esperimenti su dei topi sulle conseguenze di una dieta ricca di zuccheri e grassi saturi. Dopo 30 giorni di assunzione di cibo spazzatura è emerso come l’organismo produca una difesa all’alimentazione scorretta, la stessa che produce in caso di un attacco batterico.

La cosa peggiore però è che questo processo sembrerebbe irreversibile, probabilmente anche tornando a un’alimentazione sana ed equilibrata non si risolverebbe la situazione, ormai compromessa. Le cellule prodotte infatti, grazie a una sorta di memoria, reagiscono anche a una piccola quantità di cibo spazzatura, introdotta a seguito di un periodo di disintossicazione,  scatenando per una seconda volta la risposta del sistema immunitario.