Cina: cibo in scadenza per combattere gli sprechi

9 Luglio 2021

Sembra all’apparenza una strana moda quella che si sta diffondendo in Cina: i giovani cercano sempre di più il cibo quasi scaduto. Altra stranezza da ascrivere alle astruse usanze dell Sol Levante? No. Questa è una tendenza che va analizzata più a fondo senza fermarsi alla prima suggestione, probabilmente negativa, legata al termine scaduto ma anche al rischio di apparire avari con l’acquisto di prodotti scontati.

La consapevolezza dei giovani

Di solito, questi prodotti quasi scaduti vengono venduti con uno sconto del 50-70% rispetto al prezzo di mercato e molti di questi alimenti sono di grandi marche. Questo mi attira molto” Spiega Wu, una ragazza tra i tanti giovani cinesi che sta aderendo a questa nuova pratica. “Non mi importa molto della data, purché riesca a mangiare il prodotto prima della scadenza. Quello che compro soddisfa le mie esigenze e allo stesso tempo riduce gli sprechi e protegge l’ambiente, un aspetto molto positivo” continua Wu, illustrando i motivi che l’hanno avvicinata a questa scelta, ben lontani dal mero risparmio. Ad attrarre i giovani verso questo consumo responsabile, ha probabilmente influito la legge anti-spreco alimentare nel Paese, adottata in aprile.

iiMedia Research, agenzia di consulenza cinese, sostiene che il mercato del cibo quasi scaduto, in Cina, ha superato l’equivalente di 4,64 miliardi di dollari nel 2020 e il 47,8% dei consumatori che ha acquistato prodotti di questo tipo appartiene a una fascia di età compresa tra i 26 e i 35 anni. Altro fattore che contribuisce a sensibilizzare i giovani verso questa direzione anti-spreco è la piattaforma Amo il cibo quasi scaduto che conta 70.000 giovani iscritti e attivi nello scambio di consigli. Una pratica, questa, che è più di una semplice moda. Infatti in Cina sono già 200 i punti vendita di una catena, seguiti anche dalla piattaforma online HotMaxx che vende esclusivamente cibo in scadenza.

Cibo sprecato: i numeri

Quello del cibo non utilizzato correttamente è un problema che riguarda tutto il mondo e non è da sottovalutare. Una ricerca delle Nazioni Unite rivela che il 17% del cibo disponibile al consumo nel mondo è sprecato. Le tonnellate di cibo finite nei bidoni sono 931 milioni nel 2019 tra famiglie, rivenditori, ristoranti e altri servizi alimentari, per un peso equivalente a quello di 23 milioni di camion da 40 tonnellate a pieno carico.

Mangiare cibo quasi scaduto fa male?

Cosa pensano gli esperti? Mangiare cibo prossimo alla scadenza non è pericoloso. “Il cibo quasi scaduto è sicuro e l’acquisto di questi prodotti è una buona pratica per aiutare a prevenire lo spreco di risorse, che dovrebbe essere incoraggiata” sostiene  Zhou Yu, professore di nutrizione e sicurezza alimentare alla Anhui Agricultural University.