Roma: nel carcere di Rebibbia apre Cookery, la tavola calda dei detenuti

21 Luglio 2021

Un nuovo bar e tavola calda apre a Roma, e non è un locale qualsiasi. Si chiama Cookery e fa parte di un progetto di inclusione sociale, che consente ai detenuti della struttura carceraria di Rebbibia di seguire un percorso di riabilitazione.

Ricomincio da 3

Il progetto si chiama Ricomincio da 3 e si sviluppa grazie alla direttrice Annamaria Trapazzo e all’imprenditore Edoardo Ribecca. Nato nel 2013 con lo scopo di rieducare i detenuti attraverso il lavoro, è stato bloccato molte volte da problemi gestionali per poi ripartire con più entusiasmo e con lo scopo primario di far riacquisire ai detenuti dignità e consapevolezza del proprio valore umano.

Tutto ciò è reso possibile grazie alla collaborazione tra la Direzione penitenziaria e il Gruppo CR S.p.A. che già a dicembre dello scorso anno, in pieno lockdown, ha permesso la riattivazione dell’opificio, selezionando 7 detenuti di cui 2 semiliberi per essere avviati all’attività di fornaio. Il cuore di Cookery è il laboratorio interno della Terza casa dell’istituto penale. Il locale è aperto dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 20 rendendo possibile a tutti assaggiare i prodotti creati dai detenuti. Al progetto partecipa anche la Croce Rossa Italiana, a cui spetta il ritiro dei cibi invenduti da redistribuire a famiglie bisognose e persone in difficoltà.