Home Cibo Why Waste? Massimo Bottura contro lo spreco alimentare

Why Waste? Massimo Bottura contro lo spreco alimentare

di Francesco Garbo

Why Waste? è il nuovo progetto che coinvolge Massimo Bottura: l’obiettivo è quello di sensibilizzare contro lo spreco alimentare.

Non c’è di certo bisogno di presentazioni quando si parla di Massimo Bottura. Quello che forse è bene ricordare è invece la sua costante attenzione allo spreco alimentare e alla fame nel mondo. Fondatore di Food for Soul, associazione no profit, e per questo nominato ambasciatore delle Nazioni Unite, Godwill Ambassador, oggi Bottura si impegna in un nuovo progetto multimediale promosso da S. Pellegrino in collaborazione con Fine Dining Lovers: Why Waste?

Why Waste?

Ogni anno sprechiamo un miliardo di tonnellate di cibo e il maggior spreco avviene nelle nostre case: il mio team vi mostrerà come ridurlo. Ogni elemento di scarto contiene i presupposti per creare qualcosa di speciale: il mio obiettivo è suggerire come conservare correttamente gli alimenti e valorizzarne tutto il potenziale”: queste le parole di Massimo Bottura riguardo il nuovo progetto.

Non tutti sanno infatti che il luogo dove si produce maggior spreco alimentare è proprio la cucina della nostra casa. Lo spreco parte dalle nostre cucinePer questo il nuovo progetto di Bottura si rivolge proprio agli chef casalinghi. Quattro chef del suo team, Jessica Rosval (Casa Maria Luigia), Karime Lopez (Gucci Osteria), Takahiko Kondo (Osteria Francescana) e Francesco Vincenzi (Franceschetta58), saranno impegnati in video che propongono agli utenti delle semplici ricette che abbiano come scopo principale il riutilizzo degli scarti alimentari. Una rivoluzione che parte dalle persone che cucinano ogni giorno nelle loro case, una rivoluzione fatta di responsabilità e creatività che porta un semplice avanzo (come una crosta di parmigiano) a diventare un grande piatto. In tutto le ricette saranno 8, divise in 4 video, a loro volta suddivisi in categorie alimentari: carne e pesce, verdure ed erbe aromatiche, latticini, pane e pasta.

Lo spreco tradotto in numeri

Per renderci conto degli sprechi in cucina è probabilmente utile qualche numero. Seguendo lo schema di suddivisione per categorie alimentari, usato nei video, possiamo dire che: per quanto riguarda carne e pesce  il 20% della carne e il 35% del pesce che acquistiamo sono poi sprecati; di verdure e erbe buttiamo via il 50% . Per Pane, pasta e riso ogni anno finiscono in spazzatura oltre 280 milioni di tonnellate di cereali; per i latticini solo in Europa ne sprechiamo circa 30 milioni di tonnellate ogni anno. L’invito di Massimo Bottura è quello di condividere le proprie creazioni anti-spreco utilizzando l’hashtag #WhyWaste.