How to: come aprire e pulire una noce di cocco

3 Agosto 2021

Sembra facile, eppure, aprire e pulire una noce di cocco richiede alcuni piccoli accorgimenti e un pizzico di pazienza. dalla noce di cocco fresca si ricavano acqua e polpa Le noci di cocco fresche ci forniscono una salutare acqua di cocco, una carnosa e gustosa polpa e, perché no, anche una caratteristica ciotola derivante dal loro involucro, che si può sfruttare in cucina come contenitore per un gelato o per un riso di ispirazione esotica. Se avete acquistato una noce di cocco, ma non sapete da dove iniziare per aprirla e pulirla, sappiate che farlo con cura vi garantirà di evitare stragi in cucina e di salvare anche il guscio. Scolare l’acqua in una tazza, colpire delicatamente la noce e rimuovere la polpa di cocco dal guscio: questi sono gli step che dovete seguire. Con l’uso di pochi e semplici strumenti, avrete una noce di cocco impeccabile e pronta per l’uso. Ecco come procedere passo dopo passo.

  1. Con il martello. Individuate le tre rientranze morbide poste a un’estremità della noce di cocco. Puntando un cacciavite in corrispondenza, colpite con un martello. Effettuate la stessa operazione sugli altri fori. Fate uscire il liquido contenuto raccogliendolo in una tazza. Adesso sdraiate il frutto sul lato lungo e individuate la linea che divide in due la noce. Puntate un coltello grande in corrispondenza e colpitelo sulla linea usando il martello. Ruotate leggermente la noce di cocco ed effettuate la stessa operazione sull’altro lato. La noce di cocco si separerà in due pezzi.
  2. Con un cucchiaio. Posizionate un cucchiaio tra la polpa e il guscio e iniziate a staccare la prima dal secondo. Se il cocco non dovesse venire via facilmente, tagliatelo prima a pezzi più piccoli con un coltello. In questa fase potrebbe risultare utile il forno. Vi basterà mettere il frutto su una teglia e cuocere a 170 gradi per almeno un’ora (la polpa si ritirerà più facilmente). In quanto al guscio, volendolo utilizzare successivamente, vi basterà porlo in un luogo asciutto con il guscio rivolto verso il basso per farlo asciugare. Ci vorrà almeno una settimana.
  3. Con il coltello. Esiste un altro metodo per pulire il cocco ricavandone la polpa, e consiste nel ricorrere ad un coltello. Una volta aperta in due, incidete la noce di cocco, con la lama fino ad arrivare al guscio. Effettuate un secondo taglio accanto al precedente per formare una V. Adesso staccate la polpa dalla sezione che avete ottenuto con la punta di un coltello smussato girandolo, se necessario. Continuate a creare delle sezioni triangolari arrivando in profondità staccando la polpa come appena descritto.
  4. Con la sega. Non lasciatevi spaventare da quest’ultimo metodo, ma è uno dei più efficaci quando dal guscio si vogliono ottenere dei contenitori. In poche parole, quando non si vuole che questo si frantumi. Per fare ciò avete bisogno di una piccola sega. Posizionate la noce di cocco su un canovaccio (in modo che non rotoli via), quindi iniziate a tagliare nel punto desiderato muovendo la lama avanti e indietro con fermezza, fino a quando si sarà tagliata del tutto.